giovedì 22 giugno 2017

Review Party: I racconti dei vicoletti di Nie Jun

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli.
La recensione del giorno è dedicata ad un release day e fa parte di un review party (quanti paroloni altisonanti!)



Sto parlando di...

 


[LA RECENSIONE E' SPOILER FREE]

TitoloI racconti dei vicoletti
Autore: Nie Jun
Pagine: 128 (Copertina rigida)
Data di uscita: 22 Giugno 2017
Editore: Bao Publishing

Prezzo: € 18,00
Yu'er e nonno Doubao vivono tra i vicoletti la margine della grande città. La piccola è disabile, ma questo non le impedisce di avere tanti amici, di sentire in modo tangibile l'affetto delle persone che la circondano, e il nonno crea per lei infinite occasioni di svago e di sorriso. Il microcosmo della periferia fonde reale e immaginario, tangibile e simbolico, presente e ricordo, in un libro che vi riempirà di una magia semplice e innata in ciascuno di noi, ma che tendiamo a dimenticare. Un capolavoro vero, dal pennello sapiente del maestro del fumetto moderno cinese, Nie Jun.

Potete dare uno sguardo alle prime pagine qui.(E qualche cenno sull'autore qui).

Avevo già parlato di questa nuova collana cinese Bao nel post anteprima che vi ho linkato su, ed ero rimasta veramente affascinata dalla copertina de I racconti dei vicoletti.
Certo, l'avevo presa un po' sottogamba perché pensavo fosse una cosa pucciosa e basta, nulla di che. Insomma una di quelle innumerevoli graphic novel belle e curate, che però spesso non ti lasciano granché.
E invece... 

Fin dalla prima tavola sono stata catapultata in un mondo di cui sentivo la mancanza, quello ghibliano de I sospiri del mio cuore, di Totoro, de La città incantata.
I colori pastello, i tratti dei personaggi che non riescono a non farti provare simpatia ed affetto per loro, la sensazione di sentire il vento d'estate sulla pelle ed il suono degli scacciaspiriti nelle orecchie.

Questa graphic novel per me è stata un'esperienza sensoriale a tutto tondo.
Mi spiego... 
Nelle tavole in cui c'è uno scorcio di paesaggio e magari solo il disegno di una foglia che cade, trasportata dal vento, mi sono immediatamente figurata una di quelle tipiche scene degli anime, quando fa caldo e si sente solo il lieve sibilare della brezza, e c'è quella sorta di immobilità pacata che quasi ti fa venire sonno.
(Sono sicura di non essermi espressa bene, ma spero stiate seguendo più o meno il mio discorso/paragone.)

La storia si incentra sulle piccole avventure (che sarebbero poi i vari racconti dei vicoletti) di Yu'er, piccola adorabile bambina disabile col sogno di diventare una campionessa paraolimpica di nuoto, e di suo nonno Doubao, l'uomo più pucciosamente cicciottello e tenero del mondo.
Insieme ci porteranno nei vicoletti, raccontandoci le storie di chi abita il quartiere, o il segreto che si nasconde dietro un determinato oggetto, o anche un bizzarro incontro che vìola tutte le leggi dello spazio tempo.

Ogni capitolo mi ha fatta sorridere, mi ha piacevolmente sorpresa e mi ha trasportata in luoghi lontanissimi.
Mi è piaciuto così tanto che alle fine avevo le lacrime agli occhi!
E' un'opera dolce e delicata, commovente, semplice ma con un importante messaggio di fondo.
Vi ripeto, i disegni vi conquisteranno, le varie scene vi faranno sognare, i colori caldi vi faranno sentire come in un abbraccio, tornerete bambini ma allo stesso tempo guarderete alle storie come solo un adulto può fare. 
Con consapevolezza e nostalgia.

Io non so se la delicatezza e la magia sono una caratteristiche preponderanti del popolo asiatico, ma questa nuova collana cinese parte decisamente col botto.
Spero che conoscere Yu'er, Doubao, mini-Zucca e suo nonno, e il paradiso degli insetti vi faccia volare sulle ali della fantasia, anche se magari la credevate perduta.

Inutile dirvi che si è meritata cinque stelline su cinque da quanto è bella e spero che a voi piaccia tanto quanto a me.
Se la leggete fatemi sapere.
Se non la leggete siete delle brutte persone, ve lo dico eh!
E qui a seguire l'elenco dei partecipanti:

- La Fenice Book 

- Everpop  

- Il colore dei libri  

- Oh ma che ansia 
*che ovviamente sono io e mi conoscete già XD



Per oggi è tutto, ci sentiamo alla prossima recensione!


Con amore,
Svamps.

Nessun commento:

Posta un commento