mercoledì 28 giugno 2017

Release Party: La Callas di Amalia Mora

L'immagine può contenere: sMS





Buongiorno e ben trovati svampitelli belli in questo mercoledì particolarmente caldo.
Oggi nuovo post sul blog, infatti Ohmacheansia ha il piacere di ospitare sul blog un RELEASE PARTY,  dedicato a 'LA CALLAS' di Amalia Mora, di cui vi avevo già parlato in un post anteprima molto dettagliato qui.

(In uscita il 28 Giugno per Hop!Edizioni a € 18,00 ... E CIOE' OGGI!)


Questo volume è il secondo di una serie di picture books dedicate a grandi figure femminili del panorama artistico, che sia scrittura, musica, canto, pittura, moda, insomma di tutto!
Pensata come linea all ages, è consigliata a partire dai 12 anni. 
Il mese scorso c'è stato un blogtour in onore dell'uscita del primo volume dedicato a Madonna, mentre oggi vi parliamo di:


TitoloLa Callas
Autore: Amalia Mora
Pagine: 88 (Copertina flessibile)
Data di uscita: 28 Giugno 2017 
Editore: Hop! Edizioni

Collana: Per Aspera ed Astra
Prezzo: € 18,00
Maria Callas è stata la più grande cantante lirica di tutti i tempi. Non cantava, interpretava, anzi creava, infondendo la vita nella musica e portando ogni spettatore a confrontarsi con le proprie emozioni. Ha coltivato, grazie al talento e a un lavoro indefesso, tutti i registri vocali da soprano, mezzo-soprano a contralto e ha potuto così esprimere la sua grandezza in tanti ruoli diversi. Grazie alla collaborazione con registi come Luchino Visconti e Franco Zeffirelli, ha rivoluzionato il modo di recitare nel melodramma. La sua splendida carriera è stata però punteggiata da momenti drammatici, spettacoli lasciati a metà, ritiri e ritorni. La sua vita privata è stata ugualmente favolosa e tragica, degna del vissuto delle eroine da lei impersonate.

"Vivere è lottare senza scampo, è così per tutti. Cambiano solo le nostre armi e quelle usate a nostro danno." (Maria Callas)

Vi riporto qui uno stralcio del picture book:

[...]Maria Callas è stata la più grande cantante lirica, il modello inarrivabile con cui ogni nuova stella dell'opera ha dovuto e deve ancora oggi confrontarsi. Non cantava, interpretava, anzi creava e per questo tutti i ruoli da lei portati sul palco sono ancora oggi suoi. Puntando sempre al cuore, ha rivoluzionato l'opera, ha infuso la vita nella musica e portato ogni spettatore a misurarsi con le proprie emozioni. Logorata dalle contraddizioni, ha oscillato tra la fierezza in pubblico e il tormento privato per una perfezione a suo parere mai raggiunta, ha servito l'arte seguendo una passione che la spingeva avanti senza tregua: ogni performance per lei doveva essere migliorata.[...]


Vi lascio inoltre qualche immagine in anteprima:

L'immagine può contenere: 1 persona

LO SCONTRO: Callas vs Tebaldi
Dal momento dell'ingaggio alla Scala prende vita anche il
noto duello con Renata Tebaldi, che del teatro di Milano
è la regina. Un conflitto sostenuto più dalle fazioni dei
diversi ammiratori che non dalle due cantanti, e ottima
materia per rotocalchi e giornali.


L'immagine può contenere: 1 persona


Il trionfo a Milano
L'interpretazione d'esordio della Callas a Milano è
definita da tutti i giornali “storica”. È solo la prima
di 181 esibizioni in 23 ruoli diversi che reciterà nel
teatro meneghino nei successivi anni.


L'immagine può contenere: 1 persona


EPISODIO CHIAVE: La Paloma
Se un episodio può essere individuato come quello che ha segnato il
destino di Maria, bisogna pensare a quella sera di maggio in cui,
a dieci anni, suona e canta La paloma. Le finestre sono aperte
e tantissima gente si accalca in strada per ascoltarla e quindi applaudirla.


Nessun testo alternativo automatico disponibile.


La Callas è RISOLUTA:
A casa compete persino con i suoi canarini, Elmina
e David: i suoi acuti stordiscono la prima fino a
farla svenire, mentre al secondo cerca di estorcere
il segreto del garrulo canto.


L'immagine può contenere: scarpe

D'IMPROVVISO: Incantesimo

“Onassis ha rovinato la sua vita”, dichiara l'amica
Biki. “Per me la vita è iniziata a 40 anni o quasi”,
afferma invece Maria. Come vittima di un
incantesimo, stregata dal fascinoso nababbo,
rinnega la sua vocazione, il canto.




Amalia Mora interpreta Maria Callas con immagini intense e vertiginose, realizzate con una tecnica mista che unisce sfondi digitali a figure umane realizzate con pennello brush e finiture a china. Gioca mescolando scorci prospettici e ritratti potenti che ammantano la Divina dell'alone romantico che ne accompagna la storia. 

Sono riuscita ad incuriosirvi un po'?
Spero di si, anche perché io non vedo l'ora di averlo tra le mie mani e sfogliarlo!

Dunque, per oggi è tutto!
A risentirci nei prossimi post cari svampitelli miei.

Con amore,
Svamps.

Nessun commento:

Posta un commento