mercoledì 9 novembre 2016

November 9 o anche Colleen Hoover, ma tu non sbagli mai un colpo, cazzo???

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli.

La recensione del giorno cade a fagiuolo, in quanto porta nel titolo la data di oggi (si lo so che avete già capito...)


Sto parlando, senza troppi preamboli, di...

 November 9: A Novel (English Edition) di [Hoover, Colleen]
[Copertina italiana ed originale a confronto]


[LA RECENSIONE E' SPOILER FREE]

TitoloNovembre 9
Titolo Originale: November 9
Autore: Colleen Hoover
Pagine: 308 (Copertina rigida)
Data di uscita: 20 Ottobre 2016 
Editore: Leggereditore
Collana: Narrativa

Prezzo: € 14,90
È il 9 novembre quando, durante un pranzo con il padre, Fallon incontra Ben per la prima volta. È un giorno speciale per lei, non solo perché sta per trasferirsi da Los Angeles a New York, ma anche perché ricorre l'anniversario dell'evento che ha segnato per sempre la sua vita, il terribile incendio che le ha lasciato cicatrici su gran parte del corpo, impedendole di continuare la sua carriera da attrice. Contro ogni previsione, la conoscenza tra i due si trasforma subito in qualcosa di più, ma Fallon sta per partire e sembra esserci tempo solo per il rimpianto. Come per strappare al destino quell'inevitabile separazione, Ben le promette allora che scriverà un romanzo su di loro, proponendole di ritrovarsi il 9 novembre di ogni anno, fino a che non ne compiranno ventitré. È così che ogni 9 novembre i due protagonisti aggiungono un nuovo capitolo alla loro storia, finché qualcosa non arriva a sconvolgere le loro promesse e a mettere alla prova i loro sentimenti, tra i dubbi di Fallon e le mezze verità di Ben.
Partiamo dal solito raffronto copertina/titolo, ed evviva la vita!
Non abbiamo nulla da dire perché la Leggereditore è stata FEDELE IN TUTTO (se non contiamo la copertina dai toni lievemente più scuri e la traduzione di Novembre)!


Sia lodato - non possiamo avere tutto dalla vita!

Era dall'anno scorso che non leggevo un libro di Colleen Hoover (comunque li ho letti quasi tutti eh, mi manca solo It ends with us) e questo mi ha permesso di ritornare ad apprezzarla.
Nel caso non mi seguiate da molto, dovete sapere che a luglio dell'anno scorso lessi Ugly Love innamorandomene e poi da settembre a dicembre, lessi tutti i suoi libri e alla fine nonostante li divorassi in pochissimo, non riuscivamo più a prendermi o a colpirmi come quando ne leggi uno alla volta e a debita distanza dagli altri.

November 9 parla della storia d'amore non storia d'amore più lunga, ma breve di tutti i tempi.
C'è Fallon, ex attrice figa che è bruciata in un incendio e quindi ora ha tipo la faccia di Freddy Krueger e Ben, scrittore in erba che non ha ancora capito se appendere l'università o meno.

Si incontrano in un ristorante per puro culo, e finiscono insieme per finta.
Detta così sembra una cazzata, ma di bello c'è che abbiamo una non storia d'amore in quella che vorrebbe essere una storia d'amore, la stesura di un romanzo ed i cliché da evitare (insta love compreso!).

Ben mi piace, anche se è un po' troppo perfetto, tipico di zia Colleen, mentre Fallon (dio santo che brutto nome) è estremamente delicata e fragile, ne ha passate tante e si sente totalmente incompresa (in più dovrebbe continuare ad andare dallo psicologo perché ha troppe questioni irrisolte in sospeso!).

Insomma, dalla trama sopra riportata, sapete anche che Fallon ha il divieto di innamorarsi fino ai 23 anni perché solo allora una donna capisce veramente qualcosa della sua vita e di cosa vuole ... (?) dieci punti alla supercazzola della madre di Fallone che ha trovato il modo di non farla trombare fino ai 23 anni. GENIAH!

Il racconto scorre veloce, ti attira, ti cattura, ti tiene incollato alle pagine ed è tutto quello che possiamo desiderare da un romanzo di Colleen.
Nonostante a molti non sia piaciuto, io stessa ho trovato la fine stucchevole ed un po' troppo esagerata, mi ha incantata come solo Ugly love ed Io prima di te erano riusciti a fare.

Quindi non posso fare altro che consigliarvelo, soprattutto se siete amanti del genere!

Alla fine il voto che ho dato al romanzo è quello di QUATTRO STELLINE E MEZZO perché c'è stato un particolare della rivelazione finale che è davvero troppo troppo assurdo e che non mi ha fatto apprezzare in toto il romanzo e che lo rende stucchevole fino all'inverosimile.


E voi? L'avete letto?
Lo leggerete?
Fatemelo sapere.

Per oggi è tutto, ci sentiamo alla prossima recensione!
Adiè mon svampité.


Con amore,
Svamps.

1 commento:

  1. Voglio uscire a comprarlo subito! Adoro la Hoover e non vedo l'ora di leggerlo <3

    RispondiElimina