lunedì 10 ottobre 2016

Recensione: Voglio una vita a forma di me di Julie Murphy - GO BIG OR GO HOME!

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli in questo lunedì uggioso ed un po' freddino.

Oggi finalmente vi parlo del romanzo di cui ho fatto il Dreamcast la settimana scorsa. (Lo trovate qui se vi interessa.)
Avete capito bene, sto finalmente parlando di:



  Dumplin' di [Murphy, Julie]
[copertina italiana ed originale a confronto]


Titolo: Voglio una vita a forma di me
Titolo originale: Dumplin' 
Autore: Julie Murphy
Pagine: 342 (Copertina rigida)
Data di uscita: 20 Settembre 2016
Editore: Mondadori
Collana: I Grandi
Prezzo: € 17,00
Willowdean Dickson ha qualche chilo di troppo, un soprannome imbarazzante come "polpetta" e soprattutto... si piace proprio così com'è! Anche se sua madre è presidentessa di un concorso di bellezza, anche se la sua migliore amica è bionda e magra come una star, anche se nelle pubblicità le ragazze grasse sono sempre infelici oppure buffe pacioccone... Willowdean è dotata di autoironia e si è sempre sentita bene nella sua comoda, morbida pelle. Fino a quando, nel fast-food in cui lavora dopo la scuola, non arriva Bo. Will se ne innamora, ed è qui che iniziano i problemi. Perché Bo sembra ricambiare. Invece di salire alle stelle, all'improvviso le certezze di "polpetta" crollano. Perché l'amore può far sentire così inadeguati, a disagio, imperfetti?


Quando circa un anno fa (o forse meno) la bookish box Owlcrate diffuse Dumplin, rimasi incantata dalla copertina, semplice ma visivamente accattivante e devo dire che nonostante ciò non mi applicai tantissimo sulla trama.
Avevo capito che più o meno trattava di una ragazza grassa e dei suoi problemi, ma finiva lì.
Ovviamente come ogni brava bookworm pensai: "Vabbuò ma devo leggerlo!"

Inutile dire che non l'ho fatto.
Almeno fino a che non ho scoperto che la santa Mondadori l'avrebbe pubblicato di lì a pochi giorni.

L'ho divorato in una sera, fino a notte fonda, con gli occhi che mi imploravano di smettere e il cervello in pappa e ragazzi!
Mi è piaciuto moltissimo.
Non restavo così presa da uno YA da un sacco di tempo.
Ultimamente tutti mi stavano deludendo ed ero sempre più scettica riguardo a questo genere letterario, eppure Voglio una vita a forma di me (in originale Dumplin) è stato un mix di sensazioni ma anche di cose che avevo già visto.

Mi spiego.
Dumplin mi ha ricordato tantissimo la serie tv My Mad Fat Diary, (tratta dai diari della vera Rae Earl) ma anche il film Whip it!, con Ellen Page e Drew Barrymore (se non lo avete visto, FATELO!).

Willowdean vive in una sperduta cittadina nel bel mezzo del nulla, fa la cameriera in uno di quei fast food lungo la strada principale del paese, è grassa e non troppo bella, ha la bruttissima tendenza a giudicare chiunque (il che ce la rende subito un po' antipatica), con una migliore amica troppobella tropposecca tropposimpatica ed una madre che è un incubo.

Cosa rende la vita di Will una merda? Il fatto che è grassa ovviamente, ma non tanto il fatto che sia grassa quanto quello che gli altri non lo accettano ed in primis sua madre.

Ex reginetta di bellezza del paese, cinquant'anni suonati ed un fisico invidiabile, direttrice del concorso di bellezza e blablabla, chiama Will 'polpetta' e lo fa affettuosamente, ma molto spesso neanche tanto. Cerca di propinarle una dieta diversa a settimana e la fa sentire inadeguata sotto ogni punto di vista.

Insomma, il premio Mamma dell'anno va a lei!

Ma Will non se ne fotte più di tanto, parliamoci chiaro.
Lei sta bene nella sua grassezza, sta bene con la sua migliore amica e si sforza di essere un'amica perfetta per Ellen anche quando l'argomento esula dal suo campo di competenze come i ragazzi e il SESSO!
Nonostante Ellen non capisca che parlare di come tu abbia fatto sesso con la tua migliore amica che è uno scafandro e che probabilmente non vedrà un pisello prima dei trent'anni è un po' una cazzimmata.
Se poi ci aggiungi che tale amica non te lo fa notare, ma con la morte nel cuore ti sta a sentire e ti da conforto e nel frattempo tu sei andata a raccontare tutto ciò alla nuova sciacquetta secca arrivata, beh abbi pietà se le girano un po' le palle.

Esatto, Ellen ha una nuova collega di lavoro fighissima che è super magra e super alla moda e che sembra il match perfetto per lei.
L'odiosa Callie fa di tutto per separare Ellen e Will, premurandosi sempre di fare battutine in direzione di quest'ultima e del suo peso.

Un bel cazzottone nei denti non glielo leva nessuno insomma!

A tutto ciò si aggiunge che in pratica Will è depressa per la morta di sua zia Lucy, sorella nubile di sua madre che viveva con loro.
Lucy era simpatica, allegra e piena di vita, ma grassa oltre ogni limite.
Roba proprio da Real Time insomma.
Aveva una passione sfrenata per Dolly Parton e per le chincaglierie strane, infatti dopo la sua morte Will tratta la sua stanza come una specie di reliquiario.

La morte di Lucy non fa altro che allontanare Will e sua madre, e diciamolo.. il rapporto già era quello che era, poi ci aggiungiamo pure l'ignorarsi a vicenda o i litigi un giorno si e l'altro pure... stiamo a cavallo!

Ulteriore 'pepe in culo alla zoccola' (equivalente napoletano di 'gettare benzina sul fuoco') è Bo, ragazzo superfigo che lavora con Will e che pare ce lo voglia con lei (e lei impazzisce cercando di capire PERCHE') E il fatto che con una mossa azzardatissima, Will si attiri le simpatie di tutte le weirdo, outsiders, strambe della scuola!

SCIALA POPOLO! SIMM E NAPULE PAISA'!

Insomma, la protagonista metà delle volte può sembrare antipatica, perché non solo è grassa come un blob, ma si permette pure di giudicare tutti, non solo quelli più belli (e stronzi), ma anche quelli più brutti (che si attirano addosso tutte le sfighe del mondo).

E questa cosa ovviamente appare maligna, però pensateci...
Tutti noi abbiamo dei difetti fisici, e ci sono giornate in cui ci sentiamo particolarmente dei cessi a motore, EPPURE molto volte abbiamo il barbaro coraggio di passare al setaccio nel nostro cervello tutta la gente che ci sta intorno.

E questo mi è piaciuto.
Il fatto che lei fosse un po' una stronza asociale, sputasentenze.
Cioè... spiegatemi. Solo perché è grassa e brutta, non ha diritto a fare la stronza sugli altri?
Indimen???
E chi siete voi per dirlo?

Io ormai con la cellulite ci ho stretto amicizia, ma quando sto con le palle girate, soprattutto al mare, è tutto un giudicare la cellulite delle altre.
Non vi dico quando vado ad un matrimonio!
Potrei tenere banco a Ma come ti vesti?!?.
Insomma questa è la realtà.

Il nostro cervello è cattivo, forse lo fa perché glie piace o forse per difendersi dai giudizi altrui, sputando giudizi a sua volta, NOLLOSO'.
Però è una cosa che a volte facciamo ed è inutile fare i finti moralisti con una ragazza grassa che si accetta, e non accetta gli altri!

Ora, che Will sia molte volte una stronza acida, non ci piove.
Ma chiediamoci pure a che tipo di pressioni sia soggetta per essere così una scassacazzo!

Non aspettatevi un romanzo pieno di azione, o riflessioni profonde.
Molti pensieri intimi di Will sono ripetitivi, ansiosi e tristi, e molte volte mi hanno fatta piangere.
Ma la seconda parte è tutta scintille e roba da Kinky Boots (film che ho AMATO!) a suon di Dolly Parton, quindi vi piacerà di sicuro.

Alla fine il giudizio che ho dato al romanzo è stato di QUATTRO STELLINE perché ci sono state solo un paio di cosette che non mi sono piaciute e non mi hanno convinta, una in particolare proprio copiata pari pari da MMFD e che mi ha innervosita parecchio, ma non vi spoilero niente tranquilli!

E poi odio Jolene di Dolly Parton ed è tipo una canzone super osannata nel film! - ma questo non c'entra XD

Spero che lo leggerete e che vi piaccia tanto quanto è piaciuto a me.

A risentirci nel prossimo post!


Con amore,
Svamps.

6 commenti:

  1. Buon inizio settimana Svamps! Questo è un libro che ho adocchiato da un po', mi piacerebbe leggerlo, il prezzo del cartaceo è altino ed ancora non mi sono decisa ma prima o poi lo comprerò ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, il prezzo è un po' altino, potresti prendere l'ebook no? Io cmq lo consiglio perché a me è piaciuto molto <3

      Elimina
  2. Anch'io l'avevo visto quando era praticamente spammato su ogni foto,copertina molto carina,per ora è in wishlist perchè sicuramente è una protagonista da non perdere! (il film 'Whip it!' mi mancava *^*)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Whip it è uno dei miei film preferiti e poi ha una colonna sonora fantastica *_* e la regista è Drew Barrymore!

      Elimina
  3. Adoro questa recensione, mi piace un sacco come racconti i libri!
    Mi ispirava già, quindi non me lo perderò!

    RispondiElimina
  4. Non mi attirava più di tanto, ma sono contenta di vedere che ti è piaciuto e da come ne parli non sembra tanto male *o* ci faccio un pensiero!

    RispondiElimina