venerdì 9 settembre 2016

Cuore e Batti cuore (e no, non sto parlando del telefilm degli anni '60) - Recensione utile del romanzo di Johannes Hinrich Von Borstel

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli.
Oggi è venerdì e tutti si preparano per il weekend e per folleggiare.

Sicuramente andrete tutti a farvi come la mmmmerda, mbracandovi a cesso (da noi si dice così) e mangiando così tante schifezze che probabilmente vi verranno i trigliceridi a mille!

Ecco, il libro di cui vado a parlarvi oggi è uno di quei volumi che sulla scia de L'intestino felice, pubblicato da Sonzogno un po' di tempo fa, ci aiuta e ci da moltissime informazioni sull'organo più importante del corpo umano ( a pari merito col cervello).

Ringrazio comunque la Sonzogno per la copia e mi scuso del ritardo con cui arriva questa recensione.

Sto parlando di:


27289398
[copertina italiana ed originali a confronto]


[LA RECENSIONE E' SPOILER- FREE]

Titolo: Batti Cuore
Titolo originale: Herzrasen kann man nicht mähen: Alles über unser wichtigstes Organ
Autore: Johannes Hinrich Von Borstel
Pagine: 255 (Copertina flessibile)
Data di uscita: 9 Giugno 2016
Editore: Sonzogno
Prezzo: € 16,50

Bu-bum, bu-bum, bu-bum. È questo il suono del cuore, un organo che batte senza sosta, garantendo un afflusso di sangue ricco di nutrienti e ossigeno a ogni angolo del corpo, per un totale di circa 8.500 litri pompati ogni giorno. Nel venire a sapere che il nonno era morto d'infarto dieci anni prima della sua nascita, ogni volta che guardava uno dei suoi ritratti, Johannes si chiedeva come un uomo all'apparenza tanto forte e in salute potesse essere stato stroncato da una cosa così piccola, grande quanto un pugno chiuso. Fu allora che in lui maturò l'interesse di saperne di più, affascinato com'era dai segreti del nostro organo più irrinunciabile. Da bambino, divorò tutti i libri che trovava sull'argomento, finché a quindici anni riuscì a svolgere un tirocinio presso il pronto soccorso della propria città. Più imparava, più si stupiva delle straordinarie e insospettate capacità di un organo che troppo spesso - e a torto - consideriamo scontato, noioso e privo di sorprese. Combinando un approccio scientifico ad aneddoti e spunti gustosi riguardanti la sua esperienza personale, l'autore ci accompagna in un entusiasmante viaggio alla scoperta del cuore: dalla sua formazione e anatomia, alle malattie e cattive abitudini alimentari (ma non solo) che possono indebolirlo, dall'importanza dello sport e di uno stile di vita sano, a quello che si dimostra essere un efficace sistema di prevenzione, ovvero il sesso.



Questo è sicuramente un libro diverso dai soliti che recensisco qui su Oh ma che ansia, ed è, come ho anticipato in cima alla pagina, un saggio molto interessante che si pone sulla falsariga de L'intestino felice di Giulia Enders (in cui ho appreso la miglior posizione per fare la cacca senza traumatizzare il tutto).

Questa volta parliamo del cuore, organo importantissimo, che ci garantisce la vita insomma, e l'autore, studente di medicina e paramedico, ci racconta tutto di questa macchina pompasangue.
Come nasce nel feto, come forma, come si sviluppa e a quali problemi andiamo incontro se non lo curiamo a dovere.

Scoprirete tutto su cosa scatena sul cuore un'alimentazione sbagliata o la poca attività fisica, ma anche cosa provocano emozioni come l'ansia e la preoccupazione, oppure sensazioni forti come un orgasmo o la felicità.

Dopotutto, 'mi fai venire il batticuore' è un'espressione che usiamo per indicare un'emozione forte provocataci dalla persona che ci piace, no?

Tra l'altro, cosa interessantissima, ci viene spiegato anche come una cattiva digestione possa influire i nostri battiti cardiaci, e non solo a livello molecolare del tipo: i grassi otturano le arterie e blabla. Ma proprio a livello di battiti accelerati.

Ad esempio, io soffro sia di extra sistole che di reflusso gastroesofageo, e spesso le due cose sono collegate.
Ci sono tipi di extra sistole che si manifestano infatti dopo un pranzo abbondante, se in presenza anche di una lieve ernia iatale.

Wikipedia definisce l'extra sistole come: un battito cardiaco prematuro, ossia una contrazione del muscolo cardiaco che avviene prima del previsto, alterando la successione regolare dei battiti nel ritmo sinusale. L'impulso nasce quasi sempre in sedi diverse dal nodo seno-atriale (dette ectopiche), che è il luogo d'origine fisiologica dell'attività elettrica del cuore.

Ecco, così sapete anche cosa sono le extrasistole.
Insomma, se questo muscolo e la sua salute vi stanno particolarmente a cuore (scusate il gioco di parole), questo è decisamente il libro che fa per voi.
E' un libro molto medico, ma alleggerito da episodi realmente accaduti spesso divertenti e sinceramente manco avevo idea che il sesso potesse essere così d'aiuto per questo organo così messo a dura prova dai nostri stili di vita di merda!

Se poi ci aggiungiamo gli ipocondriaci che al minimo formicolio del braccio sinistro, pensano ad un infarto (PRESENTE! - una volta ero chiusa in ascensore temendo di morire, poi mi sono accorta che avevo una borsa pesantissima proprio nell'incavo del gomito, e mi sono data della deficiente da sola!), abbiamo il manuale perfetto per darci una calmata, invece di allarmarci per ogni piccolezza.

Bene, per oggi è tutto.
Ve lo consiglio sicuramente se siete persone interessate alla medicina e alla salute, oppure se avete bisogno di un libro che vi spieghi il funzionamento di questo organo importante ma con termini umani e non solo con un linguaggio da medico.
Dopotutto, non può mica insegnarci tutto Grey's Anatomy? XD

A risentirci nel prossimo post!


Con amore,
Svamps.

2 commenti:

  1. Ipocondriaci? Eccola! XD Scherzi a parte, leggere di come alcune fattori emotivi possono rovinare il mio cuoricino mi ha fatta pensare molto. Oltre ad avermi dato parecchie delucidazioni su tutto, come la pressione cardiaca. E' stato interessante ^^

    RispondiElimina
  2. Oh, Svamps! xD
    Anche io però chiusa in ascensore avrei temuto di morire! >.<
    Cara claustrofobia! -.-'

    RispondiElimina