martedì 10 maggio 2016

2ª Tappa Blogtour Dimmi tre segreti di Julie Buxbaum


Arieccome svampitelli belli!
Buon martedì!!! (ve l'ho già detto?)
Che modo migliore c'è di iniziare la giornata, se non con un blogtour?

Oggi, Ohmacheansia ha il piacere di ospitare sul blog la seconda tappa del Blogtour dedicato a 'Dimmi tre segreti' di Julie Buxbaum.
(In uscita il 10 Maggio in tutte le librerie per De Agostini a € 16,00)


Un evento organizzato in collaborazione con altri fantastici blogger.

Innanzitutto d
i seguito troverete il calendario con tutte le tappe.




Ma ora bando alle ciance e ciancio alla bande e veniamo subito alla mia tappa!
Che poi è la recensione in anteprima.

Sto parlando di:

 
[copertina italiana ed originale a confronto]



TitoloDimmi tre segreti
Titolo Originale: Tell me three things
Autore: Julie Buxbaum
Pagine: 416 (Copertina rigida)
Data di uscita: 10 Maggio 2016
Editore: De Agostini
Collana: Le Gemme
Prezzo: € 14,90
Jessie ha sedici anni e una vita da schifo. O almeno così le sembra il giorno in cui lascia Chicago per frequentare il liceo più snob di Los Angeles. Ma proprio quando le cose si mettono male, Jessie riceve una mail misteriosa. Una mail in cui Un Perfetto Sconosciuto si offre di aiutarla a orientarsi nella giungla della nuova scuola. Jessie è perplessa: si tratta di uno scherzo di cattivo gusto o qualcuno vuole davvero darle una mano? Il punto è che Jessie non è nella condizione di rifiutare un aiuto tanto generoso. Sua madre è morta ormai da un paio di anni, e suo padre si è risposato costringendola a trasferirsi dall'altra parte del Paese in un posto che odia con un fratellastro che odia ancora di più. Ecco perché Jessie non può fare altro che fidarsi: presto Un Perfetto Sconosciuto diventa il suo unico e migliore amico. E lei decide di incontrarlo. Ma, si sa, ci sono segreti che è meglio non svelare mai...

Partiamo con il consueto raffronto titolo/copertine.
Quella originale è decisamente azzeccata, mi piacciono i colori, il font, l'immagine del waffle così evocativa.
Non capisco perché noi abbiamo dovuto stravolgerla.
La traduzione del titolo, anche se non fedele va bene lo stesso, ma perché mettere un cuore glitterato di feltro ROSA, con la scritta ROSA, e il vestito con la trama a nido d'ape? (che forse vorrebbe essere un richiamo al pattern del waffle? ma andiamoooo, chi la coglie 'sta sottigliezza????)
Aniuei, bocciata copertina italiana. I'm so sorry guys, ma quanno ce vò ce vò.

Ma non cincischiamo e concentriamoci sulla recensione vera e propria!
Questo romanzo è di lettura veloce, scorre che è una meraviglia e passate due ore lo avrete già finito.
Ma di cosa parla?

Parla di Jessie, sedicente sedicenne che non ha ancora superato la morte della madre ma che non ha avuto neanche modo di elaborarne il lutto perché da un giorno all'altro praticamente il padre è impazzito, si è sposato con una vedova, ha fatto bagagli e bagaglielli e l'ha trascinata all'altro capo dell'America.

EVVIVA LA VITA!

Quindi una cosa che salta proprio all'occhio è la mancanza di comunicazione che Jessie ha con suo padre, c'è un muro tra i due che si è innalzato dopo la morte della madre e che sembra essere fatto di gomma.
I comportamenti dell'uno rimbalzano sui comportamenti dell'altro senza portare da nessuna parte.
Jessie poi è bravissima a reprimere i sentimenti e a mostrarsi impassibile.

Eppure forse non è così brava se un Perfetto Sconosciuto inizia a scriverle dicendo di essersi accorto di lei e della sua tristezza.

E forse è proprio la mancanza di comunicazione verbale e fisica col padre ma anche con tutti coloro che la circondano, che spingono Jessie a rispondere alle mail di Perfetto Sconosciuto, che con maestria e un po' di creepyness sembra sapere tutti i fatti suoi.

Ora... io sono una persona ansiosa e lo sapete ormai, quindi immaginatevi quanta angoscia mi sarebbe venuta se uno sconosciuto m'avesse contattata e avesse iniziato a dirmi: io ti conosco e blabla.

ANSIA! PANICO! PAURA! COMPLOTTO!
SOCCORSOOOOO!

No dai, siamo seri?
Credo che questa sia la cosa che mi ha dato maggiormente fastidio di tutto il romanzo.
La leggerezza con cui si parla di un'adolescente che racconta tutti i suoi segreti più intimi ad uno sconosciuto, che per quanto si professi uno studente della sua scuola, potrebbe essere chiunque, finanche un vecchio pazzo pervertito che vuole rapirla ed ucciderla.
Chiariamo, ovviamente nel romanzo non si parla di vecchi pazzi maniaci, ma le reticenze di Jessie nei confronti di Perfetto Sconosciuto durano davvero TROPPO POCO. 
Ecco.

Quindi atteggiamento diseducativo a parte, Perfetto Sconosciuto si rivela la guida 'perfetta' (passatemi il termine) per sopravvivere nella nuova scuola dove gli atti di bullismo nei suoi confronti sono all'ordine del giorno, e devo dire che questa è una cosa che mi ha lasciata perplessa.

L'antagonista scolastica per eccellenza ha sempre qualche altra oca giuliva al seguito che le fa da lacché, e sembra trarre piacere dall'offendere la nuova arrivata, come è giusto che sia.

Ruotano poi intorno a Jessie parecchie figure maschili una più controversa dell'altra, si va dal fratellastro Theo, tutto vestiti stravaganti (immaginatevelo come una sorta di Magnus Bane mortale) e centrifugati bio, a Ethan bello e dannato (e drogato?) che impara poesie a memoria e sembra estraniarsi ogni due per tre, a Liam figo della situazione e musicista a cui tutte muoiono dietro, per finire a Caleb che è sempre nei paraggi e forse forse...ma chissà!

Le figure femminili sono strane ed ambigue, abbiamo la migliore amica di Chicago, Scarlett che ovviamente soffre un po' dell'abbandono forzato di Jessie, Dri la nuova amica un po' nerd, la povera Rachel, matrigna rifiutata e incapace di stabilire un contatto, Agnes che è l'amica di Dri e a tratti sembra una stronza allucinante e poi le suddette antagoniste, Bionda e Più Bionda.

Diciamo che l'aspetto che mi è piaciuto tantissimo di questo romanzo è stato quello del dolore.
Mi spiego meglio, sono settecentotrentatré giorni che la madre di Jessie non c'è più eppure lei non smette neanche per un attimo di sentirne la mancanza, le piace pensare a quella donna che lei amava ed apprezzava non solo perché DOVEVA, perché era sua madre ma proprio perché le piaceva.
Le piaceva passare il tempo in sua compagnia e raccontarle le cose, leggere insieme le loro poesie preferite e il fatto di non essere riuscita ad elaborarne il lutto, non le ha permesso di tirar fuori il dolore.

E il dolore è una strana cosa.
Ci prende tutti in maniera diversa.
In Jessie causa un isolamento che però non le fa perdere il senso dell'umorismo ed il suo sarcasmo.
Queste sono le sue armi, la sua corazza, per affrontare una situazione troppo nuova e troppo grande.
Una matrigna ed un fratellastro di cui non ha saputo nulla fino a che il padre non ha detto: 'Ah comunque mi sono sposato, ce ne andiamo a Los Angeles.'
Una scuola prestigiosa.
Una casa mastodontica e di lusso in cui si senta un ospite indesiderato. (Addirittura non mangia e non usa le cose di casa per non sciuparle e per paura di essere richiamata all'ordine. Questa cosa mi ha spezzato il cuore).

E allora è naturale che si attacchi a Perfetto Sconosciuto, come sua unica ancora di salvezza.

Alla fine il voto che ho dato al romanzo è stato quello di TRE STELLINE, perché tutto sommato il romanzo è carino e mi è piaciuto. Si legge velocemente ed è molto scorrevole. E anche se la fine non vi sorprenderà più di tanto (e non credo neanche fosse quello il punto), vi potrebbe piacere.

Utile soprattutto come lettura cuscinetto tra due libri più pesantucci o per uscire dalla reading slump!


Bene! Il post finisce qui, ma mi raccomando, non perdetevi le prossime tappe del blogtour! *-*
Io vi saluto qui cari svampitelli belli, e a risentirci nel prossimo post!

 
Con amore,
Svamps.

25 commenti:

  1. complimenti per la recensione e come si fa a non seguire tutto il tour?

    RispondiElimina
  2. Concordo, decisamente meglio la cover originale, molto più...originale! Scusa il gioco di parole xD
    Poi non so, il font della copertina italiana, mi fa pensare d un libro per bambini!
    Non capisco perchè debbano cambiare sempre così radicalmente le copertine, un conto, se ne creassero di migliori, ma se il risultato è pessimo, perchè non mantenere quella originale? ç_ç

    RispondiElimina
  3. Devo ammetterlo: se mi fossi fermata alla copertina, avrei totalmente bypassato questo libro. Non sopporto il rosa, però, LA TRAMA MI ISPIRA TROPPO! Leggendo le tue parole, poi, sono ancora più decisa a leggerlo!

    RispondiElimina
  4. Che bella! Mi hai incuriosita ancora di più. Anche la copertina originale mi piace un sacco! Non vedo l'ora di poterlo leggere 😍 speriamo bene!

    RispondiElimina
  5. Ciao Svamps :-D
    Sappi che siamo #AmicheDiAnsia :-D
    La tua recensione mi è piaciuta molto, concordo con te sulla faccenda della mail e sulla poca reticenza della protagonista: certi romanzi nelle mani di ragazzine sono davvero diseducativi e potrebbero portare gravi conseguenze!!!
    Partecipo al blogtour e al Giveaway ;-)
    Lettori fissi: Rosy Palazzo
    email: rosy.palazzo1612@gmail.com
    Instagram: @ross_3193
    Facebook e Google+: Rosy Palazzo
    Non ho Twitter! 
    Grazie mille per l'opportunità ♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo: le case editrici italiane dovrebbero davvero spendere più soldi per assumere buoni grafici, o pagare i diritti per mantenere le stesse copertine delle versioni straniere dei romanzi!!!

      Elimina
  6. Ti dirò che la cover italiana mi piace moltissimo! Concordo con te sul fatto possa essere diseducativo,ma non sappiamo cosa passa per la testa di una ragazzina che ha perso la madre ed è stata catapultata in un ambiente e fra persone che non le appartengono per niente. Anch'io comunque sarei stata presa dall'ansia e sarei diventata paranoica XD

    RispondiElimina
  7. Riflettendoci meglio anche io preferisco la cover originale ma anche quella italiana non è tanto male! Per quanto riguarda la recensione anche io avrei avuto la tua stessa razione se avessi trovato tra le email quella di Perfetto Sconosciuto, come si dice "fidarsi è bene, non fidarsi è meglio" xD Comunque sono sempre curiosa di leggere il libro e conoscere meglio Jessie.

    RispondiElimina
  8. A me piacciono entrambe le cover!comunque trovo molto carina la trama, vorrei tanto leggere il romanzo;)

    RispondiElimina
  9. Ho grandi aspettative e spero proprio non mi deluda! Entrambe le cover non mi convincono al cento per cento...

    RispondiElimina
  10. Hai un modo di scrivere le recensioni che mi mette sempre il sorriso!
    Concordo assolutamente sulle copertine: io ho aggiunto il libro in wishlist non appena l'ho visto in lingua su Goodreads e quando ho visto l'edizione italiana ci ho messo un po' prima di capire che fosse lo stesso.

    RispondiElimina
  11. Anche se la cover italiana non la trovo bruttissima, preferisco quella originale pure io. Al limite, se proprio non volevano mantenerla uguale, mi sarebbe piaciuta di più senza tutto quel rosa e quei brillantini ahahah XD
    Comunque, adesso mi è venuta un po' di ansia. Un po' di fondo l'avevo sempre avuta perché dai, diciamocelo, se uno sconosciuto ti contatta dal nulla e dice di conoscerti, ma non vuole rivelarti chi è, a chi non salterebbe subito in mente, a chiare lettere, la parola INQUIETANTE?! Nonostante questo però sembra una lettura molto carina e leggera e quindi, proprio come dici tu, la prenderò così :)

    RispondiElimina
  12. Ma che bella la cover originale!! Originale anche la trama,,mi sta incuriosendo assai :-)

    RispondiElimina
  13. Io adoro la cover italiana, la DEA le fa bellissime!!
    Speriamo di leggerlo presto!!

    RispondiElimina
  14. non so, a me piace anche la cover italiana!

    RispondiElimina
  15. Bella la recensione!sinceramente a me le cover piacciono tutte e due!

    RispondiElimina
  16. la trama mi attira sempre di più! per le copertine se devo essere sincera mi piace di più quella italiana e sono contenta che il titolo non sia stato stravolto più di tanto

    RispondiElimina
  17. Bella recensione (poi tu sei simpaticissima, fattelo dire)
    Questo libro mi incuriosisce molto, soprattutto per i temi delicati che va ad affrontare e mi sembra una lettura molto piacevole e scorrevole.

    Comunque per quanto riguardo la cover la penso proprio come te.... perchè l'hanno stravolta??? l'originale è tanto carina nella sua semplicità, quella italiana sembra già vista e ri-vista.

    RispondiElimina
  18. Come copertina mi piace di più quella originale, l'ha trovo più particolare.
    Per la recensione: alcune delle cose che hai detto non mi hanno sorpreso considerando il tipo di libro ^^

    RispondiElimina
  19. questa recensione poi è simpaticissima! *_* Ti do assolutamente ragione sulla copertina! Ahaha Anch'io sono ansiosissima e sarei in panico se succedesse a me! :')

    RispondiElimina
  20. Effettivamente la copertine italiana è veramente brutta! Poi io odio il rosa, quindi se non sapessi la trama non lo comprerei mai :D

    RispondiElimina
  21. Sicuramente la cover originale è meglio di quella italiana, anche se non è che mi piaccia particolarmente, la trovo un pò spoglia. Per quanto riguarda il fatto che lei subito inizia a raccontare i suoi segreti a uno sconosciuto capisco che possa dare fastidio, però da un libro uno certe cose un pò se le aspetta...

    RispondiElimina
  22. Sinceramente non riesco a trovare un collegamento tra le due copertine, ok forse il pattern del waffle ma questo lo scoperto solo grazie a te, non mi sarebbe mai venuto in mente. :-)

    RispondiElimina
  23. Mi è piaciuta molto la tua recensione :)
    Come te se ricevo una mail da uno sconosciuto, inizierei ad essere ansiosa. Effettivamente come puoi sapere che sia davvero chi dice di essere..
    Però invece per la cover mi piace più quella italiana XD

    RispondiElimina
  24. sempre più curiosa di questo libro *-*

    RispondiElimina