venerdì 8 aprile 2016

Rip - Recensioni in Pillole #37

Arisalve svampitelli belli!
Anche oggi nuova recensione in pillole.

(L'ultima della settimana.)
Fino a che non finiscono le novelle mi sa che qua non ne usciamo XD
Per chi fosse nuovo:

"Eccoci qua di nuovo, di venerdì con la nostra adorata rubrica delle recensioni in pillole, per chi come me e voi, nel pieno del weekend, si scoccia di leggere post uberlunghi sugli ultimi libri che ho letto."
[Intro base della rubrica]

Ora permettetemi di fare una piccola premessa.
Sto praticamente fremendo dalla voglia di leggere Lady Midnight, ma mi hanno gentilmente informata che 'se non leggi i racconti dell'accademia ti spoileri il mondo poi a leggere Lady Midnight e ciccia'.


E quindi ciccia, mi sono messa a leggere i racconti dell'Accademia.
Indi per cui bando alle ciance e ciancio alle bande che oggi vi parlo di:


- Dove si ignora vecchiaia e amarezza (Tales from the Shadowhunter Academy #7) di Cassandra Clare

Dove si ignora vecchiaia ed amarezza (Tales from the Shadowhunter Academy, #7)

In questo settimo racconto troviamo o meglio, RItroviamo, un personaggio che ci aveva fatto stringere il cuore di dispiacere  in Città del Fuoco Celeste, ovvero Mark Blackthorn.


Per chi non ricordasse la storia di Mark (fratello di Helen, protagonista di un'altra novella): figlio di Andrew Blackthorn e Lady Nerissa della Corte Seelie, cresciuto però insieme alla sorella Helen dal padre e dalla sua compagna Shadowhunters, si è unito alla Caccia Selvaggia, dopo aver mangiato e bevuto il cibo delle fate convinto che tutta la sua famiglia fosse stata sterminata. Ovviamente non era vero e ad informarlo sono proprio Clary, Jace, Alec, Isabelle e Simon mentre si trovano alla Corte Seelie prima della Guerra Oscura. Mark aiuta i nostri protagonisti ad informare il Conclave del tradimento delle fate che si sono alleate con Sebastian, ma poi viene abbandonato dal Conclave che decide di non salvarlo dalla Caccia Selvaggia.

Cosa succede dunque in questa novella?
Simon e gli altri in Accademia sono pronti per una missione, capitanata da George, ovvero impedire ad una fata di rapire dei bambini.
Partono alla volta del Devon, e una volta lì si rendono conto di essere caduti in una trappola, e quindi Simon per salvare George, finisce nel mondo delle fate col suo cavallo.

Arriva al cospetto di Mark Blackthorn, che a stento ricorda, e si rende conto della sofferenza che il ragazzo sta patendo, e dal suo racconto capisce quanto si stia impegnando per tenere vivo il ricordo dei suoi fratelli che hanno bisogno di lui.

Mi si è spezzato il cuore a leggere tutte le bellissime descrizioni che Mark ha per i vari fratelli, e quando arriva Isabelle a salvare Simone (come sempre ormai), i due riescono a fuggire e a partecipare poi al matrimonio di Helen e Aline, dove Simon riesce a portare un messaggio di Mark.

Insomma, tristezza con la pala proprio!

Il giudizio è di QUATTRO STELLINE perché è stato straziante e bellissimo, e avrei voluto che durasse di più, ma spero di rifarmi attaccando subito con Lady Midnight alla fine delle novelle.

Bene, la recensione finisce qui.
Mi seguirete anche negli altri racconti?
Spero di si, anche perché siamo quasi agli sgoccioli!


Per questo post è tutto.
A risentirci nella prossima Rip. 


Con un amore,
Svamps.

Nessun commento:

Posta un commento