martedì 8 marzo 2016

Perfect (for a pair of paccheri) [Recensione méh di Present Perfect di Alison G. Bailey]

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli!

Eccoci qui con una nuova recensione.
Oggi parliamo di un libro che esce oggi in libreria e che per me è stato molto controverso!

Sto parlando di:



  
[copertina italiana ed originale a confronto]


[LA RECENSIONE E' SPOILER- FREE]

Titolo: Perfect
Titolo Originale: Present Perfect
Autore: Alison G. Bailey
Pagine: 391 (Copertina rigida)
Data di uscita: 8 Marzo 2016
Editore: De Agostini
Collana: Le Gemme
Prezzo: € 14,90
Può la vera felicità durare più di un attimo? È quello che si domanda Amanda, diciotto anni e una vita di insicurezze, quando decide di rifiutare con ostinazione l'amore di Noah. Noah che è il suo migliore amico, la sua anima gemella, il suo cavaliere dall'armatura scintillante. Amanda sa che Noah potrebbe renderla felice, immensamente felice, ma sa anche che tanta felicità potrebbe non durare. E perdere Noah le spezzerebbe il cuore. Ecco perché preferisce rinunciare a lui, e all'illusione di un momento, piuttosto che vivere con il rimpianto di averlo perso per sempre. Per molto tempo Amanda e Noah si rincorrono, soffocando la passione che li divora, gettandosi a capofitto in storie sbagliate e avventure di una notte. Ma quando un tragico evento sconvolge la vita di Amanda, le cose cambiano. Costretta a lottare con tutte le proprie forze per ricominciare, la ragazza capisce che al mondo non esiste dono più prezioso di ogni singolo istante in cui possiamo respirare, correre, ridere e... amare. E si rende conto di non avere più nemmeno un secondo da sprecare. Perché, a volte, un solo attimo di felicità vale più di una vita intera.

Partiamo con il consueto raffronto titolo/copertine.
Abbiamo deciso di stravolgere tutto, e devo dire che la nostra traduzione ha senso, perché nel titolo originale c'era un gioco di parole in riferimento al tempo verbale che da noi non avrebbe reso.
Per quanto riguarda la copertina, devo ammettere che nessuna delle due mi piace particolarmente, però mi spiace che da noi si siano perse le piume gialle! 
Capirete poi perché.


Bene, ora passiamo alla recensione vera e propria!
Ho letto questo romanzo in lingua qualche tempo fa ed ho avuto la fortuna di partecipare al blogtour organizzato dalla DeA, la mia tappa era quella con la Playlist di Noah che mi sono divertita tantissimo a fare, anche se subito dopo mi sono venute in mentre altre canzoni da aggiungere, ma ormai era fatta!

Aniuei non perdiamoci in chiacchiere!
Purtroppo nonostante la cosa mi addolori moltissimo, devo ammettere che questo romanzo non mi è piaciuto.
Non perché sia scritto male o altro.
Ma perché vanta la peggiore protagonista della storia di tutte le protagoniste delle storie YA.

Please, Ladies and Gentlemen, meet Amanda Kelly.
La più ignobile ed insopportabile frignona stracciapalle della storia delle frignone stracciapalle.
A ciò si aggiunge anche il fatto che è una fifona, quindi una fifona frignona!
Roba che se la vedesse Cristina Yang di Grey's, saprebbe come rimetterla al suo posto con uno sguardo solo.

[Non sono abbastanza bella per Noah]

[Non voglio perdere Noah]



A fare da contrappeso ad Amanda, c'è Noah Stewart, il più gran figo dei gran fighi, a metà tra Quattro di Divergent e Colton Haynes, o anche Nick Bateman.
Innamorato di Amanda da quando è venuto al mondo, potremmo chiamarlo anche Noah Giobbe Stewart.
Primo perché se riesce a mettersi con Amanda, viene giù il diluvio universale, e secondo perché ha la pazienza di un santo.
Io fossi stata lui, Amanda cara: da mò che ti mandavo affancul!

Ecco, ora a me dispiace se avete letto questo romanzo e vi è piaciuto, ma io proprio mi sono dovuta trattenere per non scaraventarlo dalla finestra.
Quindi nel caso in sole tre righe io sia già riuscita ad irritarvi parecchio, forse è il caso di chiudere questa pagina ADESSO.

Per quelli che hanno il gusto del trash, e dell'orrido, e che amano lo spoiler e lo splatter e lo spoiler splatter, insomma per quelli che vogliono sapere di tutte le cose di cui ho da lamentarmi, bene... continuiamo pure!

Dicevamo, Amanda detta Tweet (soprannome nato da un per niente buffo episodio accaduto durante Halloween) e Noah sono nati e cresciuti insieme, sono migliori amici per la pelle, dove c'è una c'è anche l'altro, hanno i loro rituali, i loro posti segreti, mangiano le stesse cose (soprattutto la torta al cioccolato ricoperta di glassa che solo a pensarci mi viene l'acquolina in bocca yum!) e sono sempre pronti a coprirsi le spalle.

E fin qui tutto ok.
Poi sopraggiunge l'adolescenza (leggasi ormone libero trallalero trallalà) e Noah capisce che in fondo Amanda ha un bel culo e via discorrendo, ma non sa come comportarsi.

Per Amanda, cresciuta all'ombra di una sorella maggiore a suo dire PERFETTA, il liceo diventa un incubo.
Ovviamente si crede un cesso a pedali nonostante tutti cerchino di buttarsi a pesce su di lei, e ogni occasione è buona per piangersi addosso.
Incontra l'antagonista scolastica per eccellenza© (termine coniato da Lewis di Everpop), quella che è un miscuglio tra Regina George, Elodie della saga Prodigium e Blair Waldorf, che fa del metterla in croce uno stile di vita, e conosce un'amica che le fa da spalla che poi boh.

E siamo solo nella prima parte del libro!
Insomma, come avrete capito Amanda è irrimediabilmente innamorata di Noah e ci annoia con manfrine e dei pipponi mentali che non vedevamo dai tempi di Bella Swan in Twilight.
Ma la cosa bella...o brutta?... è che quel povero cristiano di Noah la ama a sua volta!!!!

E dove sta il problema direte voi.
Beh, il problema sta nel fatto che Amanda vorrebbe smollarla ma poi rovinerebbe la loro amicizia e quindi nisba, perché ho bisogno dell'amico da friendzonare con cui sfogarmi e lamentarmi, e che mi tiene la mano e anche la porta del cesso quando serve, però aspetta che forse se pomiciamo un po' facciamo pratica, e che ne dici di due bottarelle? Ah quelle no?

E così avanti per TUUUUUUTTO il romanzo.
Ci sono momenti in cui Noah rinsavisce... (o meglio è il suo amico del piano di sotto a rinsavire e a dirgli: "Oè e che si fa?") e si allontana da Amanda per vedere cosa fare della propria vita.

Amanda dal canto suo, si lascia soffiare Noah sotto il naso innumerevoli volte ma puntualmente riesce a scassargli le palle e a riprenderselo nonostante lo voglia ma non lo voglia.
E allora è tutto un 'Ti amo ma non possiamo stare insieme', 'Ti voglio ma così ti perderei', 'Sei l'amore della mia vita ma io sono un cesso ed una fallita e tu meriti delle belle zoccole accanto a te'.
E via discorrendo.

E questa era la parte YA piena di cliché.
Poi succede qualcosa e andiamo a sbattere nella parte NA.
E sotto con altri pipponi e menate che manco Rosie e Alex in Scrivimi ancora della Ahern!
Ricordate quanto mi aveva irritata quel romanzo l'anno scorso?
Beh questo è stato addirittura peggio.
Cioè in Scrivimi ancora non sapevi se uno dei due ricambiava l'amore o meno.
Qua sai che si amano.
A Noah viene l'alzabandiera ogni volta che Amanda parla.
Lei n'altro po' si tatua Noah's property sulla chiappa come le vacche.
E ANDIAMO!
Ma chi ci crede alla storia del 'ti amo ma non è cosa a metterci insieme'?

Il libro finiva con: Amanda senti un po' ciccia bella, ti vuoi mettere co' me? Si o no? Barra la casella. No. Vabbuò cià, statti bene stronza.

La parte finale purtroppo, non ci azzeccava una mazza col romanzo, ma si ha l'impressione che venga buttata lì per dire ad Amanda: 'Scetate Carulì che l'aria è ddoce'.
E per quanto abbia pianto lacrime amare, mi ha fatta proprio incazzare.

Per quanto riguarda lo stile, è scorrevole e leggero, anche se alcuni dialoghi sono proprio da denuncia.
I personaggi femminili del romanzo li manderei tutti al rogo, e a volte ci manderei anche Noah, che perfetto perfetto rompe un po' le balle anche lui.

Salvo Dalton, personaggio che incontriamo solo verso la fine ma che è un genio e figo come Matthew Daddario, Lisa, l'unica vera amica di Amanda e Brad anche se tutti lo odiano!

Alla fine il voto che ho dato al romanzo è stato quello di DUE STELLINE E MEZZO, o anche un 2.75, perché ci sono state delle cose che non mi hanno convinta, e particolari che sono risultati molto stucchevoli e melensi.


E voi?
Lo leggerete? 
Se si, fatemelo sapere!

Bene svampitelli, per questa recensione è tutto!
A risentirci nel prossimo post.

Con amore,
Svamps.

9 commenti:

  1. Sto rotolando dalle risate xD bellissima recensione!
    Da come la descrivi so già che odierò Amber e.e
    Peccato che abbia appena preso la versione digitale spinta dalla curiosità, pagandola per fortuna 1,99 ahahah

    p.s: io avrei voluto prendere a schiaffi Alex e Rosie per tutto il tempo giuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbé dai, hai fatto girare l'economia ma nel caso non ti piacesse, non hai speso un patrimonio. E non potrai neanche lanciarlo dalla finestra!

      Elimina
  2. È vero! La prima cosa che ho pensato è che la storia fosse molto molto simile a "Scrivimi ancora" e le parti con fremiti, ansimi e "Oddio solo a guardarlo ho un orgasmo" sono paro paro da Twilight XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma poi... io avrei detto: la vita è breve, mo gliele do du' bottarelle!

      Elimina
  3. Bellissima rcensione, da morire dal ridere! A me il romanzo è piaciuto, Amanda l'avrei voluta pendere da parte diverse volte per una chiacchierata, Noah è figo e mi ha fatto anche un po' pena... Cioè non le guardava nemmeno in faccia quelle che usava per distrarsi dalla sua Tweet... E lei??? Seghe mentali a non finire...
    Però mi è piaciuto, ha preso un sacco di punti con Dalton e il messaggio finale

    RispondiElimina
  4. Uhm non credo che lo leggerò :P diciamo che l'ho bellamente snobbato da quando è iniziata la campagna "il romanzo più atteso dell'anno" e blablabla che poco mi ha convinta XD
    È stato bello però leggere la tua recensione :'D mi fai sempre morire! Giobbe poi... EPIC WIN!

    RispondiElimina
  5. Sono morta dalle risate! Ahahahah diciamo che questo libro già non mi convinceva, poi mi vieni a dire che è un concentrato di cliché e che la protagonista è insopportabile e credo proprio che lo accantonerò definitivamente tra i "mai e poi mai". PS la parte con Cristina è la migliore ahahahah "Oh, screw beautiful, I'm brilliant! You wanna appease me, compliment my brain" dovrebbe essere il credo di vita di ogni donna!

    RispondiElimina