sabato 26 marzo 2016

#10cosebruttechenonsapetesudime - Sezione Ospiti n.1

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli in questo assolato sabato di primavera.
(E BUON COMPLEANNO A MEEEEEEE!!!!)

Ci sentiamo anche di sabato perché avevo pensato di proporvi una nuova rubrica, un po' scemofrivolanosense e quale giorno migliore se non il sabato che non si ha voglia di fare un cazz?
Direte voi: Svamps, Gesù santo! Un'altra rubrica????
Lo so, lo so.
Ma il fatto è che questa rubrica sarà una sorta di 'know me better', e vi permetterà di farvi un po' i fatti miei.
Ma anche degli altri blogger che ospiterò.
Ho deciso di chiamare la rubrica #10cosebruttechenonsapetesudime perchè il post consisterà in una lista di dieci cose bizzarre / brutte / difetti mortali che mi (ci) caratterizzano e che voi non conoscete.
Il tutto nasce da un'accalorata discussione nata sotto il profilo di Devy ma insomma piccolezze.

[Intro della rubrica]

Questa è la seconda puntata ed ho l'onore di ospitare colei che ha dato il via a tutto ciò.

Sto parlando di : ELISA DEVY *boato di sottofondo*


Grazie a Svamps di ospitarmi nuovamente su “Oh ma che ansia”, è davvero un onore essere qui!

Di cose brutte (proprio brutte brutte) che non sapete su di me ce ne sono moltissime, ma vediamo di ridurre il tutto a dieci odiosissimi difetti:

  1. Ho la terribile abitudine di bere direttamente dalla bottiglia. Provo a correggermi e ad armarmi di bicchiere prima di aver aperto il frigorifero, ma la verità è che probabilmente sono un animale dentro, quindi bevo la Coca Cola Light a canna oggi, certa che lo farò anche domani e dopodomani.
  2. Qualsiasi film io guardi, faccio SEMPRE il tifo per il cattivo. I cattivi ordiscono piani e tessono trame di altissimo livello, mettendo in ginocchio la società per tre quarti di pellicola, oltre ad essere decisamente più interessanti, e quindi viva i cattivi.
  3. Non solo ho abbandonato il capolavoro in sette volumi di Proust a metà del quarto, ma ho anche abbandonato “Senilità” di Italo Svevo dopo aver letto a stento un terzo delle pagine.
  4. Ho ancora oggi un’imbarazzante e viscerale cotta per Kurt Cobain, che mi porto dietro da quando ho sentito per la prima volta il suo disco “Nevermind” a cinque anni. Il fatto che sia morto quando di anni ne avevo sei è totalmente irrilevante.
  5. Non so pianificare lo shopping. Esco per comprare una t-shirt e torno con un paio di scarpe, mi serve un vestito e invece compro un paio di jeans. Il giorno che dovrò acquistare un abito da sposa probabilmente lo troverò dopo essere uscita alla ricerca di una nuova borsa.
  6. Non sopporto l’odore di fumo, al punto da trasferire facilmente tutto ciò che trovo di fastidioso nel fumo sulla persona che sta fumando. Soprattutto se mi fuma vicino. Probabilmente da non fumatrice mi è impossibile comprendere cosa ci sia di bello nel riempirsi i polmoni di catrame pagando anche per farlo.
  7. Il mio corpo è completamente sproporzionato. Ho le gambe grosse, il sedere tondo, e porto due taglie diverse (una 40/42 sopra e una 44 sotto). Sicuramente sfondarmi di Nutella e lasagne non aiuta in questo senso, e non aiuta nemmeno il punto 8 della mia lista.
  8. Sono PIGRA, con tutte le maiuscole. Nessuna attenuante, nessun ma e nessun se. Pigra, pigra, pigra. Finché si tratta di camminare ci siamo, posso farcela. Ma chiedetemi di andare a correre o in palestra, e probabilmente come risposta andrò a fare un pisolino sul divano.
  9. Sono una nazista della grammatica, e lo sono soprattutto nei confronti di me stessa. Sono decisamente nata nel secolo sbagliato, perché mi viene prurito a leggere ogni “pò”, “qual’è” e “xke”, il che vuol dire che passo metà del tempo a volermi cavare gli occhi. Ricevere un’email di lavoro in cui appaia un “cmq” mi agita, e se c’è una persona che può confermare tutto questo è Luigi di Everpop, a cui faccio da correttore automatico non richiesto da mesi. Non mi ha ancora uccisa, ma nel caso il mio essere una rompiscatole varrebbe sicuramente da attenuante.
  10. Quando dico che ho gusti musicali eclettici, la verità è che oltre ad amare tantissima musica di tutto rispetto amo anche un sacco di schifezze. “Don’t stop moving” degli S Club 7, per esempio è ancora sul mio iPhone5s. Insieme a lei c’è anche quella gran perla di “MMMBop” degli Hanson, “I Would” dei One Direction e “The Best of Both Worlds” di Miley Cyrus, ovvero la sigla di Hannah Montana. Ebbene sì. Il tutto è ben mimetizzato tra i notturni di Chopin, i White Stripes, Bruce Springsteen e le suite per violoncello di Bach, ovviamente. 
Ovviamente appena esauriti i miei dieci punti me ne sono venuti in mente altri trentacinque, quindi temo di essere una persona davvero orribile.

Che ansia!


Bene! Queste erano le #confessionidiunabloggerimperfetta (che mi sono permessa di copiare da Anncleire di Please Another Book) di Elisa Devy (trovate qui il suo blog e qui il suo Instagram) che ringraziamo calorosamente per aver condiviso con noi le sue cose brutte.

Avete voglia di dire al mondo i vostri difetti così la gente smette di scassarvi le balle dicendo che siete belle perfette e che avete la vita facile?
Scrivetemi all'indirizzo email che trovate nella sezione 'About' e vi ospiterò in una puntata!

Diciamo no alle blogger con la figa di legno che credono di avercela solo loro.
Per citare Laura Pausini 'la tengo como todas' e quindi vai di stronzate!

A risentirci nel prossimo post.
Vi vogghio bbè.

Con amore,
Svamps.

3 commenti:

  1. Che dire... simpatica, travolgente e tanto ironica sono le mie impressioni su di te a primo impatto :)
    Mi hai strappato un sorriso e sicuramente rassicurato che non sono l'unica super ansiosa sulla faccia della terra :D ahahahah

    Con affetto,
    Roberta

    ps. ho appena creato un blog anch'io e sono entrata in questo vortice vorticoso ... quindi abbi pazienza!
    Se ti va: https://robertapietregemme.wordpress.com/

    RispondiElimina
  2. Hahaha sono morto dalle risate! Confermo i fatti esposti dalla Eli! XD

    RispondiElimina
  3. Ridiamoci su che resta la migliore politica di sempre!
    Mi diverto sempre un sacco a scrivere per te, Svamps, e ti lovvo in modo platonico e bloggeroso <3

    RispondiElimina