mercoledì 10 febbraio 2016

La verità su di noi di Kristan Higgins o anche cronache di Bliss, di Mrs. Perfezione e delle Sorelle Vomito

Arisalve svampitelli belli!
Eccomi qui di nuovo, dopo il consueto appuntamento con il WWW wednesday, con una nuova recensione.

Il libro di cui voglio parlarvi oggi, anche se in maniera del tutto spoiler free, è un romanzo uscito proprio ieri, che vi conquisterà nonostante i numerosi pregiudizi sul genere!

Sto parlando di:


  
[copertina italiana ed originale a confronto]



[LA RECENSIONE E' SPOILER-FREE!!!]

TitoloLa verità su di noi
Titolo Originale: If you only knew
Autore: Kristan Higgins
Pagine: 429 (Copertina flessibile)
Data di uscita: 9 febbraio 2016
Editore: Harper Collins Italia
Prezzo: € 14,90
Jenny Tate disegna abiti da sposa e dovrebbe quindi essere un'esperta di storie a lieto fine. Forse è per questo che dopo il divorzio ha continuato ostinatamente a essere amica dell'ex marito. E della sua nuova moglie. Forse la migliore amica che abbia mai avuto. No, non può andare bene, non è normale. No? Per questo Jenny decide di lasciarsi Manhattan e il suo ex alle spalle e di trasferirsi nella propria città natale, Cambry-on-Hudson, poco distante da New York, dove si crogiolerà nella perfetta felicità di sua sorella Rachel e della sua splendida famiglia. Un piano niente male per ricominciare. Peccato che al suo arrivo, Jenny si trovi davanti l'apice di una crisi coniugale coi fiocchi: il marito perfetto ha una storia con una collega. Rachel non è certo il tipo da concedere seconde occasioni, ma ora che si trova in mezzo alla bufera, i casi sono due: rimanere single a quarant'anni o intrappolata in un matrimonio che evidentemente non è felice come si era immaginata. Il suo punto di riferimento è l'idilliaca vita coniugale dei genitori, ed è quella felicità che Rachel vuole nella propria vita. Jenny dovrà quindi aiutarla e sostenerla in questo momento non facile. Sarà il caso di svelarle una certa cosetta riguardo al matrimonio di mamma e papà, rischiando di rovinare tutto per sempre?

Partiamo con il consueto raffronto titolo/copertine.
Ovviamente sono super felice della copertina fedelissima all'originale, ma sul titolo avrei preferito qualcosa tipo: 'Se solo sapessi...'
La verità su di noi fa molto coppia in crisi.
Non che non se ne parli nel romanzo, maaaaa... non so!


Ma concentriamoci sulla recensione vera e propria!
Questo per me è il primo romanzo della Higgins, che forse molti di voi conosceranno per la serie Blue Heron (di cui non conosco praticamente nulla XD) ma devo ammettere che nonostante i pregiudizi e i miei timori si è rivelata una delle migliori letture degli ultimi mesi!

Se state cercando un romance tutto fronzoli e trallalerotrallalà beh sciò perché questa storia non fa per voi.
Questa non è una storia d'amore nel senso lovelylovely del termine, è la narrazione di un amore duraturo, messo di fronte a delle prove, con molti nemici ed ostacoli da abbattere, primo fra tutti la diversità.

E' l'amore tra due sorelle guerriere, che si spalleggiano, si confidano, si consolano e fanno fronte comune contro la madre peggiore del secolo, quella che è una spina nel fianco che più spina non si più, un incrocio tra la vedova allegra, Emily Gilmore ed una signora trasandata.
Insomma il tipo di madre/suocera con cui non vorremmo mai avere a che fare.

Le nostre due protagoniste sono Jenny e Rachel, la prima stilista di successo con un matrimonio disastrato alle spalle (della serie che lui l'ha mollata e dopo un anno era spostato con una strafiga mezza hippie che per dipiù è incinta e supersuperamica di Jenny), la seconda la moglie perfetta, la madre organizzatissima, la donna elegante nonostante tre mostri gemelli vestiti di trini e merletti piangano/vomitino/facciano pipì e popò tutte insieme contemporaneamente!

L'una un po' invidiosa della vita dell'altra capiranno presto che non è tutto oro quello che luccica e che entrambe sono bravissime a mantenere segreti e a dire bugie.

Cosa scatena tutto il putiferio per entrambe?
Che la moglie perfetta di ex marito scodella una bambina perfetta e bellissima tra le braccia della ex moglie sfigata e gelosissima, sul pavimento della loro casa (la casa di tutti e tre per intenderci).
E che il marito perfetto della sorella perfetta fa sesso violento/selvaggio/awanawanarocchiù con la collega perché 'è bona, ha un corpo da paura ed insomma si sa, si è buttata addosso e quindi non ho potuto farne a meno'.

MA IO TI TAGLIO LE PALLE E LE CUOCIO IN PADELLA CON AGLIO, OLIO E PEPERONCINO BRUTTA TESTA DI CAZZO!

Ma non soffermiamoci su ciò XD

Le due donne si districano tra il controllo della rabbia vendicativa e il controllo dell'ormone impazzito.
Sorella pseudoperfetta non sa più che pesci prendere, non vuole lasciare il marito, ma non vuole stare con lui, vive il dilemma delle donne cornute col terrore della società e si caverebbe gli occhi piuttosto di ammettere che ha bisogno di aiuto.
Sorella divorziata va a vivere in un nuovo posto, in cui il custode è un omaccione figo che sprizza testosterone pure dalla narici, ma decisamente trasandato, con un bottiglia di birra in mano ed un cane cencioso al suo fianco.
Il tutto è corredato da ex marito e nuova moglie che vogliono fare tutti i carini perfettini, ti vogliamo bene, vieni a cena da noi.
Ma anche dal collega gay che scrive l'erotico/vampiresco/thriller, quando non sta misurando metri e metri di pizzo.

Insomma ce n'è per tutti i gusti in questo romanzo.
Non c'è quel romance da vomitare, non ci sono cose surreali, ma episodi di vita vera, io l'ho letto durante l'attesa dal dentista e dalla dermatologa e ridevo da sola come una cogliona mentre tutti mi guardavano.

E' fresco, frizzante, divertente, riderete e piangerete anche un po' forse, perché i drammi e le cose tristi non mancano mai e le nostre protagoniste impareranno la cosa più importante, quella di perdonare se stesse. (e anche quella pazza della loro madre forse!)

Consigliatissimo a tutte, a chi è molto romantica, a chi lo è poco, a chi è scettic, a chi è cinica, a chi vuole elogiare e a chi vuole criticare.

Alla fine il voto che ho dato al romanzo è stato quello di QUATTRO STELLINE perché non mi aspettavo che mi sarebbe piaciuto così tanto per essere un romance.
Pensavo che mi avrebbe cariato i denti dalla dolcezza ma così non è stato.

Solo sull'ultima scena sono in notevole disaccordo, ma non si può avere tutto dalla vita.

E voi?
Lo leggerete?

Bene svampitelli, per questa recensione è tutto!
A risentirci nel prossimo post.

Con amore,
Svamps.

Nessun commento:

Posta un commento