giovedì 4 febbraio 2016

I Book-tastici 7 #1

Salve svampitelli belli, arieccomi con un altro post!

Il post che vado a proporvi è una specie di recap, nato da una balzana e mefistotelica idea di Cristina di Lotus Heart Blog e Ilaria Rodella dell'omonimo blog Ilaria Rodella.



Si ringrazia Lotus Heart per esserci occupata dell'immagine


In cosa consta questo 'book-tastici 7'?
Beh, potremmo definirli degli Oscar del libro, a cadenza bimestrale, in cui io e altre cinque blogger definiamo quelli che sono stati i TOP preferiti delle letture dei due mesi precedenti.

Le blogger che partecipano all'hashtag #ibooktastici7 sono:





Questi 'premi' vengono distinti in categorie, distribuiti in una lista così composta:


- personaggio femminile 
- personaggio maschile 
- citazione 
- copertina 
- finale 
- scrittura 
- ambientazione

Quindi direi di cominciare subito ad assegnare i 'premi', in merito alle letture fatte nei mesi di Dicembre e Gennaio.

(Per consultare la mia biblioteca virtuale, vi lascio qui il link del mio profilo Goodreads - se vi va, aggiungetemi!)



Miglior personaggio femminile: Marianne Halcombe de La Donna in Bianco di Wilkie Collins, una donna definita brutta, ma con una spiccata personalità, una tempra morale ed un carattere forte degno di un uomo, ed un'intelligenza fuori dal comune. Ovviamente è povera e zitella. Touché.


Miglior personaggio maschile: Dean Holder, per tutti Holder, della duologia Hopeless e Losing Hope di Colleen Hoover. Tralasciando il fatto che esteticamente sia un figo da paura, è anche uno dei più dolci paper boy che credo ci siano in circolazione. Certo, nelle prime cento pagine sembra un pazzo stalker, ma alla fine capiamo perfettamente le sue motivazioni. 10 + per questo bel pollo Amadori.


Miglior citazione: decido di buttarla sullo scherzo e citare Magnus Chase e gli dei di Asgard. La Spada del Guerriero in cui Rick Riordan (da genio quale è) cita... Rick Riordan.

"Potresti fare una malia e trasformarti in qualcosa di più piccolo?" le chiesi. "Preferibilmente non un portachiavi a catenella, visto che non siamo più negli anni Novanta..."
La spada non replicò (ma va'?), però immaginai di sentirla vibrare in una tonalità più interrogativa, come a dire: 'Tipo cosa?'
"Non lo so. Qualcosa di tascabile e innocuo. Una penna, forse?"
La spada pulsò, quasi come se ridesse. Mi figurai che stesse dicendo: "Una spada a forma di penna. E' la cosa più stupida che abbia mai sentito."

Miglior copertina: Se la giocano tra i classici della Fazi, La Donna in Bianco di Wilkie Collins e Shirley di Charlotte Bronte. Tra gli YA, ovviamente Everneath di Brodi Ashton.

La donna in bianco    27845814    9413044

Miglior finale: Senza dubbio il dolcissimo finale de Le avventure di Jacques Papier di Michelle Cuevas, un romanzo dolce, che scalda il cuore e ci fa tornare bambini.

Miglior scrittura: quello di Charlotte Bronte in Shirley ovviamente, visto che sono innamorata del suo modo di scrivere.

Migliore ambientazione: quella della Londra di inizio Ottocento de La Donna in Bianco di Wilkie Collins.


Bene, i premi sono stati assegnati ed il post finisce qui.
Vi suggerisco di visitare gli altri blog se siete curiosi di sapere le altre che cosa hanno scelto.

Noi ci rivediamo esattamente tra due mesi, con i Book-tastici 7!
Non mancate ragazzi!

Con amore,
Svamps.

6 commenti:

  1. Anche io pensavo, "Ok questo Holder è un pazzo fuori di testa" Poi mi sono innamorata follemente.
    Nel seguito c'è stato il colpo di grazia, quando legge certe lettere beh... mi si è spezzato il cuore! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io lo odiavo e non credevo possibile innamorarsi di lui... e poi! PUFF!

      Elimina
  2. Ohhh Everneath devo recuperarlo! *_*

    RispondiElimina
  3. Holder ohhhhhhhhh quanto amore!!!
    Uno dei migliori fidanzati di carta <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto! Anche se il mio preferito resta Miles *_*

      Elimina