venerdì 11 dicembre 2015

Tutto ciò che sappiamo dell'amore [Recensione entusiasta di Slammed di Colleen Hoover]

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli!
Come vi butta oggi?
Susu, il weekend inizierà tra poche ore e saremo liberi di bagordare come più ci aggrada!

La recensione di oggi ci porta in un piccolo paesino del Michigan dalla pronuncia divertente, precisamente a Ypsilanti.

Avete capito ehhhh?

Oggi vi parlo proprio di:


 13372690
[copertina italiana ed originale a confronto]


[STATE ATTENTI AD EVENTUALI INVOLONTARI SPOILER!]

Titolo: Tutto ciò che sappiamo dell'amore
Titolo Originale: Slammed
Autore: Colleen Hoover
Pagine: 285 (Copertina rigida)
Data di uscita: 12 Marzo 2015
Editore: Fabbri Editore

Collana: Fabbri Life
Prezzo: € 15,90
Lake ha vissuto l'anno peggiore della sua vita: la morte del padre, i litigi con la madre, un trasloco in una nuova città e la fatica di reinventarsi una vita. Finché non conosce Will, il vicino di casa. Anche lui è stato costretto dalla vita a crescere in fretta. L'intesa tra di loro è immediata, ma il primo giorno di lezione Lake scopre che il loro è un amore impossibile: Will ha solo qualche anno più di lei, ma è uno dei suoi professori. Eppure quello che c'è tra di loro, a partire da un primo bacio scambiato quando ancora non sapevano di doversi evitare, sembra irresistibile. E così Lake e Will - costretti a restare lontani - si parlano attraverso la poesia, anzi, le poesie, in pubblico ma in segreto, servendosi di uno slam (una gara di versi) per dirsi tutto ciò che devono e vogliono dirsi. Alla fine, è qualcosa di molto semplice ed essenziale: come ha scritto la famosa poetessa Emily Dickinson, tutto ciò che sappiamo dell'amore è che l'amore è tutto. E spesso è l'unica forza che può tenerci a galla quando ogni cosa intorno a noi sembra mandarci a fondo.

Partiamo col consueto raffronto titolo/copertine.
Per quanto riguarda il titolo, quello italiano ha voluto riprendere i versi di Emily Dickinson accennati nella trama sopra, ma trovo che traduzioni un tantino più pertinenti siano state fatte in spagnolo e portoghese coi titoli 'Amor en verso' e 'Metrica'.

Ok forse non avrebbero avuto un suono tanto bello quanto il confortante 'Tutto ciò che sappiamo dell'amore' ma ormai avrete capito che amo lagnarmi e che sono essenzialmente una scassaballe.
Per quanto riguarda la copertina, ho apprezzato di più l'originale (pertinente col tema dello slam) piuttosto che quella italiana sempre con le faccione, la grossa scritta e la citazione in un angolo che rende tutto confusionario.
Fabbri io ti voglio bene ma così le vostre copertine sembrano tutte uguali e non è un bene!


Ma passiamo alla recensione vera e propria. 

Anzi no!
In realtà vorrei dire un paio di cose sul fenomeno Colleen Hoover.
E' osannata praticamente da tutti e i suoi romanzi sono praticamente dei successi assicurati, ancora prima che vengano pubblicati (si veda November 9) eppure io fino a questa estate non avevo mai letto nulla di suo.
Fino a quando non ho messo gli occhi su Ugly love che ho letto in una notte versando lacrime a non finire.
Subito dopo ho letto Maybe Someday che non mi ha soddisfatta pienamente, nonostante in molti me l'avessero consigliato come suo miglior romanzo.
Quindi ho capito che leggere tutti i suoi romanzi uno dopo l'altro non era il caso perché non me li avrebbe fatti apprezzare.

In un giveaway vinsi Tutto ciò che sappiamo di noi due (Point of retreat, #Slammed2) e mi resi conto che avrei dovuto leggere prima Tutto ciò che sappiamo dell'amore.
Non ero molto entusiasta all'idea e così ho rimandato.
Almeno fino a che non mi è capitato il primo volume tra le mani e mi sono sentita ispirata.

In due notti ho divorato tutti e due i libri.
INUTILE DIRLO XD

Bene, partiamo subito!

All'inizio il romanzo non mi piaceva per niente.
Mi sembrava tutto troppo prevedibile e già visto.
E in solo 20 pagine!

Poi mi ha presa.
OVVIO.
Mi ha presa quando ho capito che sembrava andare tutto bene e invece era SOLO la quiete prima delle tempesta.

Colleen Hoover è come la vita, prima ti illude e poi ti molla un cazzotto in faccia. (E si riprende il biscotto nel caso te ne abbia dato uno.)

[Colleen Hoover in parole povere è la vita e io la tizia a terra]


Devo ammettere che c'è un livello di sfiga in questo libro che manco Meredith Grey + Kenny di South Park.
Genitori morti, trasferimenti improvvisi, amori impossibili, calci rotanti, e chi più ne ha più ne metta.

A tutto ciò aggiungeteci il pathos del primo vero amore che si consuma come la fiammella di una candela messa davanti alla finestra in attesa che l'amato torni dalla guerra.
ANSIA A PALATE!

Adorerete fin dalle prime pagine personaggi come Eddie (ma non lasciatevi ingannare, è una donna!) e Kel e Caulder, che insieme formano un duo pericolosissimo!

Mi ha inoltre dato un po' fastidio che Will non si rendesse conto del fatto che Lake aveva capito fin troppo bene la gravità della loro situazione e che non c'era bisogno di romperle le palle insultandola continuamente e dandole della ragazzina.

Cioè un pugno nei denti non glielo levava nessuno eh!

Mi si è veramente stretto il cuore nella parte finale, dove speravo quasi che la madre di Lake avesse un amante super focoso o che addirittura avesse messo le corna al padre.
Tutto piuttosto che la scomoda verità.

Ma vabbè.
Stiamo parlando di Sfigology.
Io comunque sono rimasta incollata alle pagine bucandomi gli occhi.
Non l'avrei abbandonato per niente al mondo!
E sinceramente ve lo consiglio, perché (nonostante la palla mortale delle pagine e pagine di poesia che vi troverete al suo interno) ho amato la poesia finale ed è un libro che mi ha fatto venire gli occhi a cuoricino.

Ma si sa... io sono romanticamente vomitosa!

Alla fine il voto che ho dato al romanzo è stato quello di QUATTRO STELLINE.
Colleen Hoover io mi sto innamorando di te ma TU.... NON DELUDERMI!!!!

Bene svampitelli, per questa recensione è tutto!
A risentirci nel prossimo post.


Con amore,
Svamps.

6 commenti:

  1. L'ho finito singhiozzando!!! Anche io amo Colleen, ma preferisco non leggere i suoi romanzi troppo vicini gli uni agli altri, perché per riprendermi da quelli che tu chiami "cazzotti in faccia" ci metto sempre un po'...
    Le coincidenze dell'amore insieme a Le sintonie dell'amore, ad esempio, mi hanno uccisa emotivamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne parliamo!
      Sono andata oltre il mio stesso divieto e li ho letti entrambi uno dopo l'altro!

      Elimina
  2. Bellissima recensione, condivido molte delle tue opinioni. Specialmente quella di leggere i romanzi della Colleen un po' per volta. Altrimenti si rischia! XD Bacii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io però sono scema... non contenta, sono andata a leggermi subito la duologia: Hopeless e Losing Hope XD Sono o non sono la peggiore?

      Elimina