venerdì 4 dicembre 2015

Crimson Peak e i WTF volati durante la visione.

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli!
Apriamo questo venerdì con un'altra recensione cinotelefilmica!

Oggi voglio parlarvi di un film che sono riuscita a vedere solo la settimana scorsa e attorno a cui c'era un notevole hype.
[Già questo avrebbe dovuto mettermi in guardia!]


Sto parlando di:


CRIMSON PEAK - Guillermo del Toro


Con un cast d'eccezione, composto da attori quali Tom Hiddleston, Mia Wasikowska, Jessica Chastain, Charlie Hunnam, la pellicola narra le vicende di Edith (Mia Wasikowska), aspirante scrittrice horror, apostrofata con accezione negativa come una moderna Jane Austen (moderna per modo di dire, che stiamo tipo agli inizi del '900), che dalla morte della madre ha iniziato a vedere i fantasmi. Divisa tra il desiderio di una vita piena, l'amore del suo amico d'infanzia (Charlie Hunnam), cade in tentazione di un giovane sconosciuto, tanto misterioso quanto ombroso (Tom Hiddelston). Ma il futuro le riserverà amare sorprese.

Ok. Questa per sommi capi è la trama che più o meno vi propineranno tutti i siti.
Ed effettivamente è così che vanno le cose.
Ma partiamo dal principio.

ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER!


SE NON AVETE VISTO IL FILM
BE CAREFUL!
[NOT CARREFOUR]



                                

Il film si apre con una Mia Wasikowska in camicia da notte e ricoperta di sangue.
Inizia a raccontare che lei crede nei fantasmi, e che ci ha sempre creduto fin da quando le è apparso quello di sua madre.


Subito dopo il funerale, una oscura forza maligna che sembra più uno scheletro coperto di petrolio, le sussurra all'orecchio: "Stai attenta a Crimson Peak!" [o una cosa del genere!]

E vabbé.
Passano quattordici anni, Edith cresce, diventa una specie di femminista, fa battute argute alla madre cessa del suo migliore amico che ce lo vuole malamente con lei, e si incazza con l'editore perché ha scritto una storia dell'orrore piuttosto che una romance a tinte gotiche.


Incazzata come una biscia, va a sfogarsi col padre e lo becca a parlare con un misterioso sconosciuto che fin dal primo momento l'attira.
Si, Tom Hiddleston!

Memorabile il commento di un mio amico che esclama: "Azz, chi c'è anche Loki!"

Ovviamente, il tizio è un baronetto inglese venuto in cerca di fondi per finanziare il marchingegno di sua invenzione che estrae l'argilla rossa dai giacimenti sottoterra.
Il padre di Edith non ne vuole sapere di dargli i suoi soldi e lo manda affanculo.

Allora l'intelligentissimo ragazzo, con sorella inquietante al seguito, inizia a fare di tutto per far innamorare Edith di lui e secondo voi? CI RIESCE OVVIO!

Se poi ci aggiungiamo che misteriosamente il padre della ragazza viene brutalmente (e non misteriosamente) assassinato, stiamo proprio freschi.
Edith diventa una ricchissima ereditiera, chiude baracche e burattini e se ne va in Europa con Marito e #CaraCognata, che tanto cara non lo è.

Praticamente mentre la cognata tenta di avvelenarla a poco a poco mettendole il veleno nel té (e nel cibo pure) - ma come cazz fai a non accorgertene - lui sperpera i soldi dell'eredità del padre per costruire questa famigerata macchina per estrarre l'argilla, che tinge di rosso la neve. 'Ecco perché la chiamano Crimson Peak'. Le confessa lui.

Parte il flashback e l'attacco di panico.
La nostra Edith, costantemente drogata, dorme praticamente sempre, ha le allucinazioni, vede di nuovo la gente morta, e sospetta che nella sua nuova famiglia c'è qualcosa che non va.




Nooo... ma che? davèro?

Morale della favola, per non tirarla per le lunghe, lui era stato già sposato un bel po' di volte, aveva sperperato i patrimoni delle varie mogli, e ognuna di loro era stata assassinata / avvelenata lentamente da #CaraCognata, che sin dall'adolescenza si strombazzava allegramente il fratello.
Scoperti entrambi dalla madre l'avevano uccisa a colpi di accetta.

Ed ecco qua svelato l'arcano!
Un amore incestuoso, malato, ossessivo fino ai limiti della morbosità e della pazzia, che ha causato raggiri, truffe, omicidi (era stata proprio lei ad assassinare il padre di Edith).

Il film si chiude così come inizia.
Con Edith in camicia da notte e ricoperta di sangue.

I fantasmi tanto decantati c'entravano ben poco, ed ho trovato molto inutile la parte della madre che quattordici anni prima le dice di stare attenta a Crimson Peak.
Cioè da quando in qua i fantasmi predicono il futuro?

Diciamo che a parte il cast, una bella colonna sonora, ambientazioni tipicamente gotiche, il film non soddisfa le alte aspettative create.
Dopo Il Labirinto del Fauno, che è tipo uno dei film più angosciosi del mondo, mi aspettavo davvero qualcosa di grande.

Ma questo film è solo un omaggio alla letteratura gotica del tempo, quella di Poe e dei penny dreadful (tra l'altro mi ha ricordato molto il telefilm in questione, di cui ho visto solo la prima stagione!).

Non lo consiglio e non lo sconsiglio, ma io sicuramente sono rimasta molto delusa.

Dal fronte cinematografico è tutto!
Vi auguro un buon weekend, pieno di bagordi, a risentirci nel prossimo post.
And STAY SVAMPY!

Con amore,
Svamps.

6 commenti:

  1. Sono d'accordissimo con te :P anche io sono rimasta parecchio delusa... mi aspettavo moooolto di più, invece mi sono trovata di fronte la solita storia banalotta :/ che palle...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che l'ho visto in streaming e non ho speso i soldi del biglietto! Mi avrebbero linciata XD

      Elimina
  2. Bene. Sono felice di non aver speso i soldi per il biglietto.
    Tom Hiddleston me lo gusto pure in streaming.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente si! Fai benissimo... anche io ho fatto così ahahaha

      Elimina
  3. "C'è pure Loki" Ahahhh Oddio che ridere questa recensione! Avevo letto la trama su Wikipedia perché mi ero rotta di non sapere di cosa parlasse, ed effettivamente non mi è parsa un granché. Soprattutto i fratelli che si strombazzano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un po' (tanto) deludente anche se costumi, scenografia, e cose così sono splendide, devo ammetterlo!

      Elimina