giovedì 3 settembre 2015

Freddo come la pietra - o anche #TeamRoth tutta la vita e #Zaynemaiunagioia

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli!
Siete pronti per una nuova recensione?

Ieri ci eravamo lasciati con ben due recensioni: Forse un giorno di Colleen Hoover che potete leggere qui, ma in special mondo Caldo come il fuoco che potete leggere qui.

Oggi parliamo del seguito di Caldo come il fuoco, sempre della Armentrout.

Sto parlando di:



[Copertina italiana ed originale a confronto]




[E STATE ATTENTI AI POSSIBILI INVOLONTARI SPOILER!!!]

Titolo: Freddo come la pietra
Titolo originale: Stone cold touch
Autore: J.L.Armentrout
Pagine: 463 (Copertina flessibile)
Data di uscita: 7 Luglio 2015
Editore: Harlequin Mondadori
Collana: hm
Prezzo: € 14,90

Layla Shaw deve rimettere insieme la sua vita andata in pezzi: impresa non facile per una ragazza di diciassette anni, praticamente certa che le cose non possano andare peggio di così. Il suo migliore amico, Zayne, straordinariamente bello, è da considerare off-limits, a causa del misterioso potere che da sempre affligge Layla: il suo bacio è in grado di rubare l'anima di chi lo riceve. Fuori questione, quindi, l'idea di poterlo baciare. Inoltre, il clan dei Warden, che l'ha sempre protetta, comincia a nascondere segreti pericolosi. E per finire, Layla non vuole pensare a Roth, sexy e trasgressivo principe dei demoni, che riusciva a capirla come nessun altro. Ma talvolta toccare il fondo è solo l'inizio. Perché all'improvviso i poteri di Layla iniziano a crescere e le viene concesso un assaggio di ciò che finora le era sempre stato proibito. Poi, quando meno se lo aspetta, Roth ritorna, con notizie che potrebbero cambiare il suo mondo per sempre. Sta finalmente per ottenere quello che ha sempre desiderato ma il prezzo potrebbe essere più alto di quanto Layla è disposta a pagare.


Partendo da solito raffronto titolo/copertine.
Se il primo volume era Caldo come il fuoco (ed era principalmente incentrato su Roth), mi sembra naturale che il secondo sia Freddo come la pietra (e sia dedicato a Stony, ovvero Mr.Roccia, il nomignolo con cui Roth chiama Zayne, che è freddo come la pietra).
Come vedete, tutto fila.
Mi piacciono di più i colori delle copertine originali però.
L'aura azzurra fredda si è persa nella nostra copertina, e questo mi è dispiaciuto un po'.

Per quanto riguarda il libro in sé....
SE AVETE LETTO IL PRIMO VOLUME ANDATE AVANTI, ALTRIMENTI CHIUDETE LA PAGINA E CI RISENTIAMO QUANDO L'AVETE FATTO!

Avevamo lasciato la povera Layla a disperarsi per la perdita di Roth, che sacrificatosi al posto di Zayne all'ultimo minuto, era scomparso nelle viscere dell'inferno in mezzo alle torture.
Quello che ci si aspetta da un'adolescente confusa, con gli ormoni a mille e in perenne lotta con se stessa è che si butti dritta dritta tra le braccia di #Zaynemaiunagioia...
E così è!

Roth torna dalle profondità dei piani bassi e la manda affanculo nel più prevedibile dei discorsi da stronzetto borioso tipico dei figaccioni che giocano a football nelle commediole adolescenziali americane.
'Ti ho usata', 'Mi volevo divertire', 'Chi ti ha mai promesso niente?' 'Abbiamo mai mangiato nello stesso piatto?' (L'ultima è una tipica espressione napoletana che ho aggiunto io per dare più pathos al discorso. Il senso letterale del non aver mai mangiato nello stesso piatto sta a significare che non si è mai condiviso niente di veramente importante.)

Lei si scippa i capelli e corre da Zayne, che dopo averla vista fare la scemulella con Roth per un sacco di tempo, rinsavisce e si scopre innamorato di lei.
E via con la relazione clandestina che nessuno approva perché lei potrebbe ucciderlo!

Quindi così come il comportamento di Roth è decisamente troppo prevedibile, lo è anche l'inevitabile triangolo amoroso che viene a crearsi tra i tre, del tutto simile a quello di Twilight e di Shadowhunters.
#Zaynemaiunagioia va ad aggiungersi alla lista dei friendzonati a tratti fidanzati insieme a #JacobIlLupoBlack e #SimonOcchialutoVampiroPoiMiTromboIsabelle.

Zayne non mi va giù, cambia continuamente colore degli occhi, che a quanto ho capito sono 50 sfumature di azzurro, celeste, ghiaccio, color cielo, blu, cobalto, blu petrolio... (bah!) e Layla appara decisamente come una zoccoletta arrapate ed odiosa.

Abbiamo capito che dopo l'orgasmo clitorideo che ti ha regalato Roth, ora hai voglia di smollarla a qualcuno, ma stai calma ciccia!


....





Scusate la parentesi con le meme ma ci voleva! 
Capisco che in quanto suo amore adolescenziale, Layla voglia togliersi lo sfizio, ma non so, mi sembra più un'apetta che va di fiore in fiore a fare zinghetenzà!
(Questa sarà amica di Molly Barlow di 99 Days di Katie Cotugno!)

Fortunatamente ritroviamo Roth, che ci era mancato per la prima parte del libro, ritornano lui e la sua verve, il suo prendere in giro Layla e le sue battutine dettate da un pizzico di gelosia.
Perché ammettilo Roth! SEI GELOSO MARCIO!

Devo ammettere che questo secondo volume non mi ha coinvolta come il primo, sarà che i bollori tra Layla e Zayne non mi entusiasmavano per niente, quindi tutto mi è sembrato un po' più scialbo rispetto al primo.

Il tutto ovviamente condito dal Lilin, una spaventosa creatura succhia anime che si è creato in seguito al rituale che ha visto Roth sacrificarsi al posto di Zayne, alla fine del primo romanzo.
Quindi in certi punti avrei voluto dirgli: 'A reghà c'è gente che muore e voi state qua a fare puccipucci e piccipicci! Dateve na mossa!'

Ovviamente il finale è un cliffhanger, anche se abbastanza prevedibile ma mi ha comunque inchiodata.
Diciamo che avrei saltato volentieri la prima parte del libro ricca di pipponi mentali e di Layla che o si comporta da zoccola o si sente in colpa perché pensa a quanto siano fighi spogliati Zayne e Roth, e sarei passata direttamente all'azione e alle mazzate!

Quindi mi sono procurata subito l'ultimo in lingua e mi sono messa a leggerlo!
Presto la recensione sul blog!

Nel complesso il mio giudizio su questo libro è quello di TRE stelline, perché ha perso un po' di verve rispetto al primo a cui avevo dato un 3.25/3.5 ma confido in un finale col botto!

E voi?
Cosa ne pensate?
Lo avete letto?

Per questa recensione è tutto.
A risentirci nel prossimo post!

Adié mon svampité.

Con amore,
Svamps.

Nessun commento:

Posta un commento