martedì 4 agosto 2015

HOLLOW CITY - Il Ritorno dei bambini Speciali di Miss Peregrine ed altre cose ansiogene e melense! [Recensione più felice del secondo romanzo di Ransom Riggs!]

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli.
Siamo quasi agli sgoccioli di luglio, ma conto di sfornare almeno altre due recensioni oltre a questa, quindi STAY TUNED!

Oggi parliamo di un libro che volevo leggere da tempo immemore e che avevo inserito apposta nella mia summer TBR, che potete vedere qui.


Sto parlando di:





[Copertina italiana ed originale a confronto]


[E STATE ATTENTI AGLI EVENTUALI INVOLONTARI SPOILER!!!!!]

TitoloHollow City. Il ritorno dei bambini Speciali di Miss Peregrine
Titolo Originale: Miss Peregrine's Home for Peculiar children
AutoreRansom Riggs
Pagine: 430 (Copertina rigida)
Data di uscita: 4 Giugno 2014
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Collana: Best BUR
Prezzo: € 19,00

Chi è Jacob Portman? Un ragazzo qualunque finito dentro un'avventura più grande di lui, o un predestinato, uno Speciale dai poteri prodigiosi, abilissimo investigatore dell'ombra e cacciatore di mostri terrificanti? Nessuno lo sa. L'unica cosa certa è che sembrano trascorsi secoli dal giorno in cui la misteriosa morte del nonno lo ha spinto a indagare sul suo passato, catapultandolo sull'isoletta di Cairnholm, al largo delle coste gallesi. È qui che si imbatte nella bizzarra e affascinante combriccola dei Bambini Speciali: creature dotate di poteri curiosi e irripetibili, membri superstiti di una stirpe meravigliosa, obbligati, per sfuggire alla persecuzione di un mondo ottusamente Normale, ad affidarsi alle inflessibili cure di Miss Peregrine, la donna-uccello in grado di manipolare il tempo. Ma ora che Miss Peregrine è ferita e non riesce a ritrovare le proprie sembianze umane, i Bambini Speciali e Jacob saranno costretti a vedersela da soli con coloro che minacciano di distruggerli usurpando la loro stranezza e dovranno abbandonare l'eterno presente in cui hanno vissuto per avventurarsi nel mondo reale.

Allora svampitelli... ci eravamo lasciati qualche giorno fa con la recensione del primo volume, che se vi va, potete leggere qui.

Nel complesso non mi era parso sto granché, carino ma non il romanzo horror da cardiopalma che mi ero prefissata. 
Tutti nell'internettò ne avevano decantato le qualità e a me non ha fatto praticamente nessun effetto.
Comunque ben scritto e scorrevole, gli ho dato tre stelline e subito ho iniziato a leggere Hollow City.

Hollow City, beh... e tutta un'altra cosa!
E' ricco di azione, avvenimenti incalzanti, avventure mirabolanti, rischio di morte ogni due pagine e un pizzico di humour ogni tanto.

Devo ammettere che la melensaggine della storia d'amore propinataci m ha disturbato più volte.
Non so perché, ma certe frasi dolci in bocca ad un uomo mi fanno rivoltare lo stomaco.
Sarà colpa del mio ex ne sono sicura!
Ma bando alle ciance.

Per chi di voi avesse letto il primo libro (per quelli che non l'hanno fatto, beh, fatelo! sennò non ci capite niente! XD), ci eravamo lasciati con Jacob ed i bambini Speciali che erano fuggiti dalla sicurezza, ormai violata, dell'anello di Cairnholm.
Recuperata Miss Peregrine, sottoforma di uccello chiusa in gabbia, la missione dei nostri piccoli eroi era quella di raggiungere Londra per salvare (o almeno provarci) le altre ymbrine.

In una sequela di avvenimenti pericolosissimi, in cui non si capisce come 10 bambini ultra settantenni ed un adolescente non rischino la morte o vengano scoperti (merito di un bottiglione intero di felix felicis?), 'sti poveri cristi riescono a pigliare un benedetto treno ed arrivano a Londra.

Tra un tentato omicidio, un salto o due in altri anelli temporali, la combriccola si arricchisce di due ragazzi pipistrello ed una telecinetica (siamo sempre più nel campo Marvel Xmen / supereroi).

Verso la fine del romanzo capisci che rimarrai con l'amaro in bocca e ti stai già preparando alle jastemme a Ransom Riggs quando... COLPO DI SCENA IMPREVEDIBILE OMMIDDIO!!!!!!

Voglio il terzo romanzo Ransom.. SUBITO!

Da quello che avete letto quindi, avrete capito che questo romanzo si è rivelato molto migliore del primo a cui avevo dato tre stelline solo per bontà e fiducia.
Questo, paragonato al suo precedente, si merita QUATTRO stelline (anche se forse avrei dovuto dargliene tre e mezzo ma ultimamente sono proprio larga di voti!) e una menzione per l'impennata di pathos che ha subito l'ultima parte del libro.

Quindi ve lo consiglio, anche se i punti negativi sono stati: la storia d'amore melensa, le storie create intorno alle foto, a volte un po' arrabattate, e forse un po' troppa fortuna da parte dei bambini (nessuno si fa male, nessuno si ferisce, nessuno muore).

E voi lo avete letto?
Let me know.
Per oggi è tutto svampitelli!

A risentirci nel prossimo post.


Con amore,
Svamps.

Nessun commento:

Posta un commento