martedì 7 luglio 2015

Amami per un'estate - Ovvero 99 giorni in cui potrai fare 99 cose poco raccomandabili... [Recensione pseudo disgustata di Amami per un'estate di Katie Cotugno]

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli.

La recensione di oggi  tratta di un libro che ho letto in un giorno e che mi ha così contrariata, ma così contrariata, che sicuramente mi perderò qualche pezzo e non riuscirò a dire tutto quello che avevo in mente!

Sto parlando di...

 

[Copertina italiana ed originale a confronto]


[E STATE ATTENTI AGLI EVENTUALI INVOLONTARI SPOILER!!!!!]

Titolo: Amami per un'estate
Titolo Originale: 99 days
Autore: Katie Cotugno
Pagine: 289 (Copertina rigida)
Data di uscita: 23 Giugno 2015
Editore: Sperling & Kupfer
Collana: Pandora

Prezzo: € 17,90

Molly Barlow ha fatto uno sbaglio, e il suo nome è Gabe. Pur di allontanarsene, Molly ha lasciato la sua città, Star Lake, e ha detto addio al suo mondo. Ma non poteva stare via per sempre. E quando, dopo aver passato l'ultimo anno di scuola lontano da casa, torna per l'estate, è evidente che nessuno ha dimenticato quello che è successo. Il comitato di benvenuto non lascia speranze: la sera stessa del suo rientro, Molly viene accolta da un lancio di uova contro casa, la sua migliore amica non vuole avere nulla a che fare con lei, e i suoi amici la evitano. Senza contare Julia Donnelly, la sorella dei due ragazzi a cui Molly ha spezzato il cuore. Con lei... è guerra aperta. Molly vorrebbe scomparire. Per fortuna mancano solo 99 giorni alla sua partenza per il college. Allora sì che potrà gettarsi il passato alle spalle e ricominciare davvero tutto daccapo. Le cose però non sono mai semplici e, nonostante Molly faccia del suo meglio per nascondersi, Star Lake è troppo piccola per pensare di passarvi inosservata, o per non imbattersi ancora nei fratelli Donnelly. 99 giorni. Solo 99 giorni per affrontare le conseguenze delle proprie azioni, correggere gli errori e scoprire sulla propria pelle che ci sono dolori difficili da superare e scelte impossibili da fare.

Come nostro solito, partiamo dalle copertine.
Sono pressoché uguali, anche se ignoro il perché noi italiani abbiamo deciso di tagliar via le gambe.
Eppure comunque, non mi convincono.
Almeno non dopo aver letto e NON APPREZZATO il libro.


[Siccome il libro non mi è piaciuto, sta per partire una dettagliata spiegazione ricca di SPOILER  e di PAROLACCE COME ZOCCOLA, quindi se non avete letto il libro e ne avete tutta l'intenzione, o se le parolacce vi irritano, sciò! VIA!]


Ok, Molly Barlow ha fatto uno sbaglio, rivelato fin dalle prime pagine.
Era fidanzata con Patrick Donnelly, e si è bellamente scopata Gabe Donnelly (suo fratello maggiore) in un frangente (durato probabilmente un paio di giorni) in cui i due si erano lasciati.


(In realtà sotto un litigio è Patrick a mollare Molly - scusate il gioco di parole - ma poco importa.)

Quindi già il personaggio di Molly parte con una brutta reputazione e qualche occhiataccia da parte nostra.
Probabilmente scriverò una recensione ricca di commenti all'antica che scateneranno la femminista che è in voi, ma viviamo in una società di merda.
Quindi leggete e stateve buone, sennò la X è in alto a destra.

Il libro si apre col ritorno, per l'estate, di Molly nel suo paese d'origine, dopo esser stata via un anno in Arizona.
La prima cosa che trova è casa sua imbrattata dal lancio di uova da parte di Julia Donnelly (sorella gemella di Patrick).

La cosa bella è che per gran parte del romanzo, c'è una piccola parte del nostro cervello, che quasi parteggia per Molly, sperando che si liberi di Julia e di tutte le sue angherie (bigliettini minatori, macchina rigata, scherzi sessuali di pessimo gusto).

Però poi ci riflettiamo.
Cara Molly, nessuno ti ha puntato una pistola alla testa e ti ha obbligata a trombarti tuo cognato, quindi mi spieghi che cazzo avevi nel cervello?

Si perché ragazze mie, per quanto a noi donne piaccia dare della zoccola a destra e a manca, alla sciacquetta di turno che fa la cretina col nostro fidanzato, la colpa sta maggiormente proprio in lui, se le zoccolette si prendono la confidenza.

Vi giuro, se c'è una cosa cosa che mio padre mi ha sempre ripetuto è: l'occasione fa l'uomo ladro; se una è fidanzata e da corda agli altri uomini, è cretina lei mica l'uomo, e lo stesso vale per gli uomini. Dobbiamo prendercela con i nostri partner mica con i 'predatori'?
E' pur vero che vorremmo mandare questi predatori affanculo, ma non possiamo quindi se il mio fidanzato mi mette le corna (e sopravvive alle mie maledizioni) la colpa è più sua che della ragazza. Lei avrà fatto la zoccola e ci avrà provato ok, ma non ti ha obbligato. Tu ti sei fatto fare fesso e ci sei caduto. Ergo meriti l'evirazione.

La stessa cosa per Molly.
Ok, eri arrabbiata, ferita, incazzata, ma DIOSANTISSIMO... IL TUO RAGAZZO E' DIVENTATO DA COSI' POCO EX, CHE STA ANCORA SCENDENDO LE SCALE PRATICAMENTE... e tu cosa fai? Ti meni nel letto di tuo cognato.

BRAVA GIOVANNA BRAVA.

Poi torna con Patrick e non gli dice nulla, fino a che sua madre, scrittrice affermata, non rivela in un'intervista, di aver basato il suo nuovo bestseller che sta scalando le classifiche, sulla vita amorosa di sua figlia.
Il paese va in rivolta, Patrick la molla, e lei scappa in Arizona.

Torna dopo il diploma in un clima teso, con la migliore amica che non le parla più perché è incazzata nera per esser stata abbandonata, trova lavoro in un hotel che riaprirà i battenti e conosce la nuova ragazzarimpiazzo di Patrick.
Non so per quale legge della fisica quantistica ci diventa amica, poi acchiappa Gabe (ex cognato) che la tampina per tutto il tempo fino a che non si riducono a fare coppia fissa, ed arriva il famigerato incontro con Patrick che dopo averle dato della lurida puttana un paio di volte, le dice che possono pure provare ad essere amici.


Ecco... ora io vorrei dirti due cosine cara Katie Cotugno...
Ma tu... hai mai tradito? Sei mai stata tradita? Hai mai avuto il dispiacere di incontrare una ex fidanzata del tuo attuale ragazzo? Hai mai avuto il dispiacere di incontrare la nuova ragazza del tuo ex ragazzo? Hai mai provato ad essere amica del tuo ex ragazzo che hai cornificato e a cui hai messo il cosiddetto scuorno in faccia* (letteralmente: apporre la vergogna sul viso, quindi umiliare) per tutto il paese?

Evidentemente no, perché altrimenti non avresti scritto 289 pagine di stronzate colossali.
Ed evidentemente non sei neanche una #fidanzatapsicopatica, perché se tu lo fossi stata, lo sarebbe stata di sicuro anche Tess nel libro (si sa che la nostra personalità, finiamo col riversarla nei personaggi) e il romanzo sarebbe durato tre pagine e sarebbe finito con una mega rissa.

Cioè alla fin fine, Amami per un'estate non è uno YA, è un fantasy!
Roba proprio da draghi, fate e unicorni volanti.

Ho conosciuto svariate ex. Non è stato piacevole.
Ho conosciuto la nuova ragazza del mio ex. E' stato terribilmente inquietante.
Sono stata tradita 'mentre eravamo in pausa'. Volevo morire. Ero divisa tra la voglia di ucciderlo e la voglia di scuoiarla. Si, la conoscevo.
Mi è stato chiesto: 'Che ne dici? Rimaniamo amici?'
Ma io ti prendo a padellate sui denti! Altro che amici.
Amici per la p(ad)elle.

Non contenta, la casa Molly, mentre se la fa con Gabe, va a letto con Patrick che in barba a Tess, la tradisce e poi ovviamente da della puttana a Molly, di nuovo.

No Molly, ma tu ci sei o ci fai?

La cosa che mi chiedo è che razza di modello comportamentale vuole dare questa storia.
Cioè io capisco che in una relazione che va avanti da anni, magari sin da quando si è dei preadolescenti, possa subentrare le noia, la monotonia, il cambiamento.
Posso pure capire il tradimento.
Poi il tradimento viene scoperto (perché succede SEMPRE) e la storia in tre quarti dei casi finisce.
E ok, sono cose che succedono, si va avanti.
Vuol dire che l'amore è finito.

E invece no.
Qua si distribuiscono Ti Amo a destra e a manca dopo due settimane, si manca di rispetto alle amiche, si ruba il fidanzato alle altre, si spiattellano segreti.
AAAAAAAAH, ma ora ho capito...

Siamo in una puntata di Gossip Girl!
Ecco, ecco spiegato il mistero.

No seriamente reghà, io mi rifiuto di credere che questa scrittrice sia stata apprezzatissima dagli adolescenti.
Cioè insegna alle ragazze che non importa quello che fai, quanti cuori spezzi, a chi la smolli dopo manco una sera, e quanto zoccola sei, ci sono libri che cercheranno di farti apparire come l'antieroina, vittima degli eventi per cui tu dovresti provare simpatia.


E per cui io provo solo rabbia e disgusto.
Scusate eh, ma non solo fai la zoccola per tutto il libro, alla fine li appendi entrambi, e te ne vai al college, con tanto di scena di chiusura sull'auto che sfreccia e il vento tra i capelli e compagnia cantante?





Care femministe, ora fatevi afferrare pure per pazze, francamente me ne infischio.
Non cercate di dirmi: 'Eh il solito atteggiamento antiquato. Se lo faceva un uomo blabla...'
I donnaioli mi fanno schifo al pari delle zoccole.
Uno può smollarlo / smollarla in giro a quanta gente vuole, ma oltre un certo numero, subentra la zoccolamma più acuta.
Il comportamento di Molly è quello di una ragazza superficiale, di una sciacquetta confusa a cui non affideresti neanche un pacco di caramelle.

Sono stata d'accordo col suo discorso, secondo il quale, tutti in paese avevano attaccato lei, la sfasciafamiglie, mentre i due fratelli Donnelly erano dei santi scesi in terra, vittima di quella mangiauomini di Molly Barlow.

E' giusto che anche loro abbiano la loro dose di insulti.
Voglio dire, era tutta una scommessa tra loro due e su chi avrebbe portato via prima la ragazza all'altro.
Quindi anche loro hanno una bella dose di colpa.

Ma cara Molly, tu sei proprio una zoccola!

Ok, ora basta parolacce, la smetto.
il fatto è che questo libro è decisamente surreale, nessuno prova odio o rancore, nessuno litiga o si prende a mazzate (e sarebbe molto plausibile), la madre dei ragazzi che conversa gentilmente con Molly.
ma dove l'avete mai visto???
Mah!
Vabbe, chiudo qua sicura di essermi persa qualche pezzo di discorso che mi ero già fatta in testa.

Una stellina.
E' un libro praticamente RIDICOLO!

E voi?
Lo avete letto?
Fatemi sapere.

Ci risentiamo nella prossima recensione.


Con amore,
Svamps.

9 commenti:

  1. Mi hai messo curiosità di leggerlo ora guarda un po' ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ommiddio!!!!! machedavero?

      Elimina
    2. no mentivo!! ahahah non ce li spenderò mai 17 euro e 90!! (Sossoldiii) ma qst storielle così senza senso ti fanno passare un pomeriggio noioso...

      Elimina
    3. sossoldi si! Che spreco di carta! ^/^

      Elimina
  2. Ahahaah oddio Svamps!
    E' esattamente la recensione che mi aspettavo da te XD
    Concordo su tutto, perché andiamo, Molly è da prendere a calci ed è un modello da NON seguire nel modo più assoluto.
    Ho odiato il finale alla "io verso il mio futuro e tutte le possibilità che mi aspettano" perché si lascia dietro un macello che manco l'Apocalisse.
    E alla fine Julia sarà stata anche un po' stronza ma questa era sua amica, stava con suo fratello e poi non contenta si è fatta pure l'altro.
    Ingorda, Molly. Ingorda.
    I "ti amo" di questo libro valgono meno del dollaro dopo il Venerdì Nero.
    Detto questo, l'unica che ne esce bene è Tess, che dice senza troppi giri di parole "io e te non possiamo essere amiche, e ho mollato quel fesso di Patrick perché merito di meglio". Brava, Tess.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti Julia fa bene! A minacciarla, a farle terra bruciata intorno. Io l'avrei anche presa a calci. E lo stesso la madre. All'inizio è coerentissima... cioè fosse stata mia madre, l'avrebbe lapidata, non sia mai qualcuno le tocca il suo piccino. Ma poi al secondo scandalo che fai? Le dai un passaggio, un paio di consigli e una pacca sulla spalla???? MA DOVE???? io le avrei scatenato contro un'ordinanza restrittiva. Devi stare a 100 mt dai membri della mia famiglia e almeno 1km da casa mia brutta zoccola ingorda!

      Elimina
  3. Risposte
    1. O forse si. Giusto per usare le GIFsssss di Tina Cipollona.

      Elimina
    2. la mitica Tina e le mitiche gif di Trash Italiano. LE AMO! Esprimono al meglio ciò che penso!

      Elimina