venerdì 8 maggio 2015

Rip - Recensioni in Pillole #17

Eccoci qua di nuovo, di venerdì con la nostra adorata rubrica delle recensioni in pillole, per chi come me e voi, nel pieno del weekend, si scoccia di leggere post uberlunghi sugli ultimi libri che ho letto.
[Si l'intro è sempre la stessa!]

Oggi vi parlo di:


- Storia di una Capinera, Giovanni Verga


Credo che tutti bene o male sappiamo di cosa tratta il romanzo, ma in caso contrario ecco un breve riassunto.
Storia di una Capinera è un romanzo epistolare ambientato a Catania, durante l'epidemia di colera del 1854. E' un romanzo in parte biografico perché ricalca un'esperienza vissuta dall'autore in giovane età, e tratta della storia di Maria, una giovane educanda orfana di madre, rinchiusa in collegio all'età di sette anni, costretta a farsi suora dalla famiglia. Durante il colera Maria tornerà a casa del padre, (che vive con la nuova moglie e i suoi due figli) e si innamorerà dei figlio dei vicini.

Secondo voi finirà bene?

Ma procediamo per punti:
  • Partiamo dal fatto che avendo una grossa lacuna di classici, grazie alla sempre santissima Newton Compton Editori, sto recuperando pian piano.
  • Trovo da apprezzare notevolmente l'antefatto al romanzo che spiega brevemente il perché del titolo. Mi è piaciuto moltissimo ma spoilera il finale del libro che è 'na bellezza! (ergo non leggetelo per primo! Saltatelo!)
  • Ho trovato lo stile in alcuni punti ridondante e questo mi ha un po' annoiata nella lettura, soprattutto nella parte finale che è un crescendo di follia sempre più impetuosa.
  • Mi è piaciuta moltissimo la parte iniziale, quando Maria è appena arrivata a Monte Ilice e descrive con minuzia tutte quelle piccole gioie della vita quotidiana, quelle piccole cose che riesce a notare nella natura, che fino ad allora le erano state negate a causa del suo stare in collegio. La passione e la dovizia con cui Maria racconta attraverso le parole di Verga anche la più insignificante sensazione, mi ha riempita di gioia ed entusiasmo. (Questo almeno fino a che non ha iniziato ad innamorarsi di Nino, il figlio dei vicini.)
  • La descrizione dell'innamoramento di Maria per Nino, l'ho trovata assurdamente moderna, della serie: 'ma chi è questo qui? che cosa vuole? oh, però è simpatico dai! ommiddio mi piace! assolutamente non deve piacermi! ogesùsanto sono pazza di gelosia! lui non sarà mai mio... o forse si? ti piaccio si o no? metti la crocetta. oddio la matrigna ci ha scoperti! - tipiche fasi dell'innamoramento adolescenziale che tutti almeno una volta nella vita abbiamo attraversato (tranne la parte della matrigna credo, almeno io! - Cenerentola non può dire lo stesso!)
  • La parte finale è una spina nel fianco, abbiamo un crescendo di disperazione, abnegazione e disfunzione mentale che manco la moglie pazza di Mr. Rochester in Jane Eyre!
In conclusione, ho dato tre stelline e mezzo al romanzo, perché il pathos che si respira nelle ultime 30 pagine è così alto che mi ha messo un'ansia assurda e avrei voluto saltarla davvero molto volentieri.
Non mi sento di sconsigliarlo, anzi più classici leggiamo meglio è.
Ma non mi sento neanche di dire: ommiddiobellissimoleggeteloassolutissimamente!!
Quindi per me è un bel NI, più si che no, ma comunque un po' di noia c'è stata e questo influisce molto sul giudizio finale.

Per oggi è tutto svampitelli belli!

A risentirci nella prossima Rip.

Con amore,
Svamps.

4 commenti:

  1. Alla moglie pazza di Mr.Rochester stavo lacrimando dal ridere! Sei fortissima Svamps, te l'ho gia detto? :D
    La Newton Compton qualcosa di buono la sta facendo pubblicando questi classici, ad un prezzo davvero conveniente!
    Questo di Verga non l'ho mai letto, perchè trovo lo stile dell'autore leggermente palloso (passami il termine), però sarei curiosa di scoprire le paturnie sentimentali di Maria!
    Baci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assolutamente d'accordo con te, avendo iniziato a leggere molto tardi ho veramente grosse lacune, proprio di roba che avrei dovuto assolutamente leggere e invece non ho mai letto. quindi sarò sempre grata alla Newton Compton Editori per aver pubblicato queste edizioni super economiche, perché parliamoci chiaro se vogliamo andare avanti nella lettura, almeno io, questo edizioni economiche sono le uniche che me lo permettono. inoltre sono contentissima che la recensione ti abbia fatto ridere... il resto delle paturnie finisce in .... vuoi lo.spoiler? XD

      Elimina
  2. Mi immagino le ultime 30 pagine e la Svamps che: "oh ma che ansia", chiude il libro e se ne va. LOL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahha esatto! Però ho resistito!

      Elimina