venerdì 24 aprile 2015

Rip - Recensioni in Pillole #16

Eccoci qua di nuovo, di venerdì con la nostra adorata rubrica delle recensioni in pillole, per chi come me e voi, nel pieno del weekend, si scoccia di leggere post uberlunghi sugli ultimi libri che ho letto.
[Si l'intro è sempre la stessa!]

Oggi vi parlo di:


- La Signora Dalloway in Bond Street e altri racconti, Virginia Woolf




Della Woolf avevo letto solo Una stanza tutta per sé, che mi era piaciuto da morire e di cui potete leggere un Rip risalente all'anno scorso qui.

Ovviamente avendo studiato la Woolf al liceo, ero perfettamente consapevole del suo stile narrativo, col particolare del flusso di coscienza e ricco di contraddizioni, ma tralasciando il precedente saggio non avevo mai letto nulla di suo.
E sempre ringraziando la santissima Newton Compton Editore, che con la sua collana Live DELUXE permette a tutti di rimediare alle lacune letterarie, ho potuto acquistare questo libriccino per € 1,90 e leggere questa raccolta di racconti.





Ma procediamo per punti:


  • Abbiamo tutta una serie di racconti che sembrano non legarsi l'uno all'altro, salvo poi scoprire alla fine che molti riguardano il futuro romanzo La Signora Dalloway (che non ho ancora letto, ma che devo leggere per la mia reading challenge di inizio anno!).
  • I racconti sono descritti con dovizia di particolari e per essermi distratta un paio di volte ho dovuto rileggere tutto daccapo, in quanto rappresentando fortemente il flusso di coscienza, se perdi una virgola non capisci niente più.
  • Ovviamente determinati racconti mi sono piaciuti più di altri, ce ne sono alcuni che mi sono proprio dovuta sforzare per seguire la narrazione.
  • Altri li ho trovati talmente lenti ed introspettivi da non riuscire a capirne il senso né dove volessero andare a parare.
  • Il primo racconto è delicatissimo, ma molto lento e mi ha fatto pensare ad un video in colori pastello in stop-motion o al rallentatore. Insomma molto evocativo.
  • Ogni spunto è buono per far partire una riflessione insomma, e dare modo al lettore di entrare nella testa del personaggio.

Insomma questo libriccino mi è piaciuto molto e si è meritato 4 stelline, ora non mi resta che leggere tutto il romanzo e vedere se la mia alta opinione della Woolf è smentita o confermata, ma credo che resterà alta!

A risentirci nella prossima Rip.

Con amore,
Svamps.

Nessun commento:

Posta un commento