martedì 14 aprile 2015

Raven Boys - Ovvero Baby Jane stai lontana dai corvi! [Recensione spassionata del primo volume del Raven Boys Circle]

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli.

Oggi parliamo di un libro che fa parte di una trilogia (e che ve lo dico affà????) quasi del tutto edita in Italia.
Manca infatti solo il terzo volume.
Sto parlando di...




[E STATE ATTENTI AGLI EVENTUALI INVOLONTARI SPOILER!!!!!]


Titolo: Raven Boys
Titolo Originale: Raven Boys (Dio ti ringrazio!)
Autore: Maggie Stiefvater
Pagine: 468 (Copertina rigida)
Data di uscita: 20 Novembre 2013
Editore
Rizzoli

Prezzo: € 16,00 (ma su Amazon lo trovate a €13,60)

È la vigilia di San Marco, la notte in cui le anime dei futuri morti si mostrano alle veggenti di Henrietta, Virginia. Blue, nata e cresciuta in una famiglia di sensitive, vede per la prima volta uno spirito e capisce che la profezia sta per compiersi: è lui il ragazzo di cui s'innamorerà e che è destinata a uccidere. Il suo nome è Gansey ed è uno dei ricchi studenti della Aglionby, prestigiosa scuola privata di Henrietta i cui studenti sono conosciuti come Raven Boys, i Ragazzi Corvo, per via dello stemma della scuola, e noti per essere portatori di guai. Blue si è sempre tenuta alla larga da loro, ma quando Gansey si presenta alla sua porta in cerca di aiuto, pur riconoscendolo come il ragazzo del destino non può voltargli le spalle. Insieme ad alcuni compagni, Gansey è da molto tempo sulle tracce della salma di Glendower, mitico re gallese il cui corpo è stato trafugato oltreoceano secoli prima e sepolto lungo la "linea di prateria" che attraversa Henrietta. La missione di Gansey non riguarda solo un'antica leggenda, ma è misteriosamente legata alla sua stessa vita. Blue decide di aiutare Gansey nella sua ricerca, lasciandosi coinvolgere in un'avventura che la porterà molto più lontano del previsto.
Allora, partiamo dal fatto che intorno a questa trilogia c'è un hype degno di nota, tutti ne parlano, tutti l'hanno letta, tutti la osannano.
Maggie Stiefvater è considerata una specie di Dea scesa in terra e cose varie.

Io di suo non ho mai letto niente ed ho deciso di iniziare con la saga dei Raven Boys piuttosto che con la saga di Mercy Falls, ben più famosa.

Dalla trama che vi ho riportato qui sopra, il libro mi sembrava interessantissimo ed ero impaziente di leggerlo.
Ci ho messo poco a finire il primo romanzo e mi ha un po' delusa.
Ora vi spiego perché...



[ALLERTA SPOILER!!!!]




Allora, partiamo dal fatto che sin dalle prime righe sappiamo più o meno cosa succederà.
Blue Sargent figlia di veggenti, si è sentita dire per tutta la vita che non appena bacerà il suo primo amore, questo morirà. (ALLEGRIA!)

Alla Vigilia di San Marco vede lo spirito di un ragazzo e sa che in capo a un anno questo poverello schiatterà!
Questo ragazzo non solo è destinato a schiattare ma fa parte di una scuola di ricchi fighi da cui Blue si è sempre ripromessa di stare alla larga, e quindi è proprio un brutto soggetto.

SI CREDICI!

E' ovvio che manco il tempo di finire il primo capitolo, Blue si ritrova invischiata con tutta la sua bizzarra famiglia di veggenti (in cui non c'è neanche un uomo), coinvolta nelle questioni onirico spirituali dei Raven Boys, i ragazzi corvo della prestigiosa scuola privata Aglionby.

Ci sono questi quattro ragazzi che più male assortiti di loro proprio non ce n'è: Adam, povero in canna con una famiglia orrida alle spalle e un padre che lo malmena; Noah scialbo e anonimo, è quello che si vede e sente di meno; Ronan, ricchissimo e folle al limite immaginabile, con la testa rasata e sempre coinvolto in qualche rissa; e Richard 'Dick' Gansey III, detto Gansey, quello che si suppone sia il grande amore di Blue.


Quindi uno si aspetta che si metteranno insieme ma così non è e di questo sono veramente grata alla Stiefvater. Non so se avrei retto ad una stronzata del genere. Sarebbe stato troppo prevedibile.

Questo libro ha del materiale molto interessante, ha una trama avvincente ma manca di azione, di colpi di scena, di pathos.
E' come se per tutto il libro tu sapessi che c'è un pericolosissimo mostro in agguato, di cui vedi un'enorme ombra sul muro, e poi alla fine del vicolo questo balza fuori e tu ti ritrovi davanti un gattino molto arrabbiato... BLAH!


Abbiamo questi quattro ragazzi alla ricerca di una linea di prateria e di un re addormentato da secoli che concederà il suo favore a chiunque lo troverà per primo.
Quindi Blue, volente o nolente, si ritrova coinvolta nella ricerca del Re Corvo, Glendower.

Il libro secondo me è troppo lungo, ci mette decisamente troppo ad entrare nel vivo della storia e forse si sarebbe potuto accorciare un po' il brodo e arrivare subito alla fine, che è un po' un petardo riuscito male.
Infatti mi ha deluso parecchio.


Mi aspettavo un grande romanzo e invece non ne ho ottenuto niente.
Non ha un vero e proprio exploit e la fine sembra un po' frettolosa.
Come a dire: Tanto c'è il secondo volume e ne parleremo li.
Ma se non avessi saputo che c'era il secondo volume mi sarei chiesta: Tutto qui?

Cioè è un bel romanzo, una bella trama, uno stile di scrittura scorrevole, ma avvincente e ricercato.

Però la sequenza della narrazione è discontinua, si alternano continuamente punti di vista differenti con un narratore onnisciente che narra più cose contemporaneamente e confonde.
Quello che realmente i personaggi provano l'uno per l'altra è sempre difficile da capire, ci sono tutta una serie di pipponi mentali che annoiano e confondono. E questa cosa mi ha fatta terribilmente dannare.

Inizialmente avevo dato a fiducia 4 stelline, anche se avrei voluto dargliene 3 e mezzo, ma poi ho iniziato a leggere il seguito, Raven Boys - Ladri di Sogni, e non mi sta piacendo per niente, quindi ho modificato il voto in 3 stelline e penso che ne darò 2 e mezzo a Ladri di sogni.
Vedremo!

So che la Stiefvater è osannata e voglio darle una chance. Quindi leggerò sicuramente il resto della trilogia perché sono mi sono affezionata già ai personaggi.
Sento di voler bene ai ragazzi corvo e anche a Blue/Jane.
Devo dire che SPOILER non ho ben capito se blue finirà con Adam o Gansey.
Ovviamente preferirei Gansey perché e così diverso da lei e lei non sa se ci finirà insieme o meno.
Però il fatto che lei se lo chieda non mi piace.


Da un lato lo consiglio perché è un buon romanzo, anche se devo ammettere che non è stato così bello come mi aspettavo o come mi era stato presentato in giro per il web.
E voi? L'avete letto?
Fatemelo sapere.

Per oggi è tutto, ci sentiamo alla prossima recensione su Ladri di Sogni!

Con amore,
Svamps.

2 commenti:

  1. A me è piaciuto abbastanza questo libro, sarà che ero nel mio consueto periodo "blocco del lettore" ed avevo quindi bisogno di qualcosa di leggero, ma l'ho letto tutto d'un fiato :) Il secondo invece mi è piaciuto decisamente meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il romanzo non è brutto nel senso 'che schifo è spazzatura'! E' che secondo me è stato gestito male. Non ci ho trovato azione o colpi di scena degni di nota. E il finale veramente è una fetecchia. Mi aspettavo qualcosa di grandioso, che ti lasciasse a bocca aperta in un : NOOOO MACHEDAVERO?!!?!?!?!?
      E invece nisba.
      Il terzo comunque è in TBR, ti farò sapere! :)

      Elimina