martedì 13 gennaio 2015

The unbecoming of Mara Dyer [Recensione (semi)seria di Chi è Mara Dyer?]

Buongiorno e ben trovati svampitelli belli.
In questi giorni in cui avrei dovuto riprendere a studiare seriamente, ho procrastinato come non mai e mi sono decisa a leggere un libro che è famosissimo oltreoceano.

Sto parlando di: Chi è Mara Dyer? di Michelle Hodkin.
Siccome vorrei scrivere una bella recensione seria, partiamo con ordine, come dovrebbero essere fatte tutte le recensioni (e come Dio comanda).

[Copertina molto bella, simile all'originale, che colpisce subito]




TitoloChi è Mara Dyer
Titolo originaleThe unbecoming of Mara Dyer
Autore: Michelle Hodkin
Pagine: 430 (Copertina rigida)
Data di uscita: 19 Giugno 2012
Editore: Mondadori

Collana: Chrysalide
Prezzo: € 16,00 (ma su Amazon costa € 13,60)

Era solo un gioco. Eppure Mara non voleva partecipare alla seduta spiritica con le sue amiche Rachel e Claire. Sei mesi dopo, Mara si risveglia dal coma in una stanza di ospedale. E le sue amiche sono morte. Cos'è successo quella notte al manicomio abbandonato? Perché Mara è l'unica sopravvissuta? Orribili allucinazioni iniziano a perseguitarla e un dubbio si insinua nella sua mente: e se fosse stata lei a causare quelle morti, come aveva predetto la seduta spiritica? L'incontro con il turbolento, bellissimo Noah potrebbe essere la sua salvezza o la sua definitiva condanna. Perché anche Noah ha un segreto, legato al grande mistero che la tormenta: chi è Mara Dyer?

Ok, ora che ho scritto le informazioni serie riguardo alla recensione, posso partire con quello che penso.

Chi è Mara Dyer.

Chi?
Cosa?
Quando?

Che?
Perchéééé?


Ho passato circa un anno ad evitare di leggere questo libro perché immaginavo che sarebbe stata una cazzata di proporzioni bibliche e.... COSI' E' STATO.
Naturalmente ero attratta dai titoli in inglese e dalle copertine ansiogene e bellissime (che anche nell'edizione italiana non sono niente male, soprattutto per il secondo libro), però il fatto che l'avessero letto tutte le ragazzine oltreoceano e lo osannassero come avevano fatto con We Were Liars mi preoccupava alquanto.
E nel caso non ve lo ricordaste, ho ODIATO We Were Liars.


Poi Devilishy (che da oggi in poi chiamerò Devil, perché non riesco mai a ricordarmi l'esatto ordine delle lettere del suo url) me l'ha consigliato e ho provato a leggerlo.
(A proposito, date un'occhiata all'ultima recensione da lei scritta, perché quello si che deve essere un bel libro!!!)

Partiamo dalle cose positive.
E' un libro...scorrevole.
[Perché è scritto veramente in modo elementare, perciò è scorrevole... ma vabbé!]

Ok sono finite le cose positive?
Vediamo...

Aveva del potenziale, si.
Cosa c'è di più emozionante di una ragazza che si risveglia in ospedale senza memoria dopo un terribile incidente in cui la sua migliore amica e il suo fidanzato sono morti?

Mara non sa cosa è successo, credeva fosse tutto un gioco, non avrebbe mai pensato di ritrovarsi in una situazione come quella.
Come cavolo ci è finita???

Un inizio niente male, insomma! Emozionante.

Ma poi diventa tutto molto... brutto. sbagliato.

Abbiamo una ragazza imbranata, timida, coi guai alle spalle che arrivano fino alla cima del monte Everest, che incontra un ragazzo sexyssimo, bellissimo, ricchissimo, intelligentissimo, acculturatissimo che cita a menadito Shakespeare e tutte le trame dei libri che ha letto nella sua vita (io come finisco il libro manco mi ricordo più i nomi dei personaggi!), parla sei lingue, è inglese trapiantato a miami, che può avere tutte [in effetti le ha già avute tutte] e sceglie... LEI!

OVVIO.



[E perché mai? Boh non lo sappiamo.]

Ma procediamo con ordine:



[Sta per partire una dettagliata spiegazione in cui potrebbero esserci degli SPOILER, quindi se non avete letto il libro e ne avete tutta l'intenzione, sciò! VIA!]


Ok, Mara Dyer è una ragazza normale, con una migliore amica (Rachel) e una nuova ragazza (Claire) che come si direbbe a Napoli 'è trasut e sicc e se mis e chiatt'.
Cioè, è entrata in punta di piedi facendo tutta la carina e poi ha preso il posto di Mara nel cuore di Rachel, rubandole l'amica.
Tutto questo non è descritto ma si capisce dalle poche righe iniziali.
Il narratore infatti è la stessa Mara, che ci parla di cose le è successo a partire da quando lei, Claire e Rachel si sono ritrovate insieme un pomeriggio e hanno giocato alla tavola Ouija.
Rachel chiede come morirà, Mara si fa prendere dall'ansia perché è un po' fifona e Claire la punzecchia di continuo.
La tavola punta su quattro lettere e scrive il nome di Mara.
La risposta, che dovrebbe essere superchiara, viene fraintesa e le ragazze si dedicano ad altro.

Distolsi lo sguardo e riuscii perfino a sorridere.
Anche Claire sorrise. Rachel infilò il DVD e spense le candele.Sei mesi dopo erano morte tutte e due.

ZAN ZAN!!!!

OMMIDDIO sono morte!!!
Mara si risveglia in ospedale e la mamma, è ovviamente, sull'orlo di una crisi di nervi perché la figlia è andata in un edificio pericolante in cui le era stato espressamente vietato di andare, l'edificio è crollato schiacciando Rachel, Claire e Jude (fratello di Claire e suo ragazzo).
Tenta di calmarla, si svolgono i funerali a bara chiusa perché sono rimasti tutti schiacciati e poi tutta la dolce famigliola decide di trasferirsi dal Rhode Island in Florida.
Perché?
Perché in Florida sono tutti ricchi, abbronzati e belli.
E conosce il tipo perfettissimo, bellissimo, dolcissimo, -issimo di cui sopra.

Il fatto è che in alcuni punti il libro è accettabile e apprezzabile, ci sono elementi descritti bene come la pazzia che sta invadendo il cervello di Mara, i suoi sentimenti verso la sua famiglia come il suo preoccuparsi per il fratellino piccolo, il dover aver a che fare con una madre iperprotettiva che vuole tenerla all'oscuro delle cose peggiori e che cerca sempre di essere accondiscendente, il senso di colpa per aver causato il trasferimento.

Poi ci sono le visioni, le allucinazioni, l'aula di algebra che crolla, gli orecchini della nonna nella vasca che in realtà non sono nella vasca, sono cose che mi sono piaciute molto e che potevano essere sviluppate benissimo.
Ti intrigano e ti portano a chiederti: "Cosa è successo? E ora cosa succederà?"
Ma invece la Hodkin decide di sviluppare il tutto nel modo più idiota possibile.

E cioè, con una storia d'amore tra lei e il bellissimo ragazzo conosciuto a scuola (Noah). che ovviamente ha un potere soprannaturale contrapposto al suo.


Si perché se non si era capito nelle prime 50 pagine, ve lo dico io, Mara Dyer uccide la gente col pensiero e Noah Shaw oltre a sentire il cuore della gente che batte, guarisce le persone ma OVVIAMENTE non può guarire Mara.
ZANZAN!



Ok, so che ero partita con tutte le intenzioni di fare una recensione seria e cazzi e mazzi vari, ma proprio non ci riesco!
E' impossibile!
Purtroppo dopo il video di Con Amore e Squallore sui #LibriDiMerda [che riguardava Obsidian della Armentrout e che potete guardare qui solo se siete gente ironica] non riesco più a leggere gli young adult senza avere un moto di disgusto ad ogni dialogo che leggo.


La storia d'amore tra Noah e Mara è melensa, da carie, da diabete, surrealissima.
Noah dice e fa, cose, che manco il fratello di ma cognata dice! (E lui è il mio massimo metro di vomitoserie in un ragazzo, intendiamoci!!!!)

Il libro è reso patetico da questa storia d'amore patetica tra due personaggi patetici.
PATETICITA' come se piovesse.

Per non parlare dello stereotipo del migliore amico gay (o bisex) afroamericano coi dread e superfigo che è un vero rebelyebel!!111!! che ovviamente la mette in guardia dal tenebroso Noah.



Il fatto è che questo libro in alcune scene è un plagio di Twilight ma talmente plagio che è plagio pure delle scene del film! 
Tipo quando scendono dal macchinone lei e Noah e lui si mette gli occhiali, la giacca sulla spalla e le circonda le spalle con un braccio e fa il figo davanti a tutti e lei imbranatissima vuole morire di imbarazzo.





I personaggi non hanno spessore, Noah è l'esagerazione di tutto, la mamma di Mara è ossessionata e nervosamente nevrotica come solo una madre può essere (aggiungici che fa pure la psicologa), il padre di Mara è assente, i genitori di Noah non ci sono mai e lui ha sempre casa libera e migliaia di dollari a disposizione, i fratelli di Mara sono importanti eppure resi marginali.

Vi ripeto, solo la parte soprannaturale è interessante eppure è oscura e non chiara.
Giustamente essendo soprannaturale DEVE essere oscura e poco chiara, però boh.

Il libro si chiude con un finale che è una bomba a orologeria, perché Mara ci ripete per tutto il libro che nelle sue visioni appaiono solo Jude e Claire, che vengono sempre descritti come subdoli, malefici, cattivi, maliziosi, insomma brutta gente con cui avere a che fare.
Il libro finisce che Mara impazzisce perché Jude... E' VIVO!

*un minuto di raccoglimento pe' sta strunzat*

E con questa perla di saggezza ed eleganza, chiudo la recensione di questo primo volume di Mara Dyer qui.
Si perché è una trilogia e ce ne sono altri due di libri.
Il secondo l'ho già letto e il terzo è in lettura.
Vi farò sapere!!!

Con amore,
Svamps.

9 commenti:

  1. Ahahah adoro le tue recensioni! Concordo sulla melensaggine estrema di alcune scene, e devo ammettere che a me la serie è piaciuta molto nel complesso, considerando tutta l'evoluzione della storia dall'inizio alla fine, ma che il primo volume aveva spiazzato un po' anche me. Non riuscivo a capire dove volesse andare a parare, se nel paranormal più paranormale o nel semplice romantico straziacuore :D Dei tre forse il mio preferito è il terzo perchè mi piace moltissimo la storia della nonna di Mara e della madre di Noah: finalmente i vari tasselli vanno a posto e ci si raccapezza di più :D
    Noah è tutto -issimo ma almeno è sempre descritto vestito a cacchio di cane: è umano anche lui, al mattino non c'ha sbatti di vestirsi ahahah
    Jamie è un po' il clichè dell'amico gay ma allo stesso tempo è la sola voce ironica e sarcastica che ci sia, quindi io un po' gli sono affezionata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma appunto è il primo libro che è veramente brutto! Il secondo già è migliore rispetto all'accozzaglia di roba che c'è nel primo. E poi lo sai, sono sempre esagerata nelle mie recensioni. O bianco o nero! XD

      Elimina
  2. Swamps ..sei mitica, una recensione così , era da molto che non avevo il piacere di leggerla..
    Ma sai che mi hai tanto incuriosito da farmi venire voglia di leggere questa trilogia..chissà cosa succederà sui libri che ti affascinano.
    Per ora mi sono iscritta in attesa di nuove avventure.
    Mi farebbe piacere ricambiassi la mia iscrizione.
    Grazie e buona serata..
    Un abbraccione!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda.... proprio ieri sera ho finito l'ultimo libro, e la voglia di lanciare tutto dalla finestra è stata forte, ma poi ho pensato che ho letto veramente di peggio e quindi ho inspirato e iniziato un altro libro!!!
      Il tuo blog è interessantissimo *_* mi sono iscritta!
      un abbraccio!

      Elimina
  3. Muahaha fantastica :'D io il terzo penso proprio che me lo risparmierò... questo primo volume non mi era dispiaciuto... ma il secondo invece... e poi boh non mi ricordo quasi più niente quindi meglio passare oltre :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tu pensa che io del secondo non ricordo quasi niente e del terzo solo la fine che se vuoi, sarò lieta di raccontarti in pvt XD

      Elimina
  4. Svamp, a me il romanzo è piaciuto molto. Peccato non sia ancora uscito il terzo romanzo della serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho letto in lingua e ovviamente non mi è piaciuto XD

      Elimina
    2. Io l'ho letto in lingua e ovviamente non mi è piaciuto XD

      Elimina