mercoledì 21 gennaio 2015

Jane Eyre [Un film che i registi non si stancano mai di ri-girare!]

Buongiorno e bentrovati svampitelli belli.
Oggi sono qui per parlarvi di uno dei miei film preferiti in assoluti.
Non sono un'esperta di film, devo ammetterlo, e poi voi lo sapete.
Mi piace andare al cinema, mi piace guardare i film e i telefilm, mi piace parlarne, mi faccio prendere dall'entusiasmo per le cose che mi piacciono.
Ribadisco che, per i film che mi appassionano, sono molto poco oggettiva e quindi non vogliatemene troppo se vi sembra che io stia scrivendo della cazzate.

Comunque senza ulteriormente dilungarmi, oggi voglio parlarvi del film del 2011 di Cary Fukunaga, quindi beccatevi le mie impressioni su :

JANE EYRE 


(parte musica sinfonica drammatica in sottofondo)
(parte questa canzone qui)


Per una volta Feisbuc si è rivelato utile e ho avuto modo di apprendere che su Rai Movie sarebbe andato in onda Jane Eyre.
Ora, io questo film lo conosco a menadito e lo amo, e ogni volta lo riguardo e mi viene sempre da piangere, quindi non potevo proprio esimermi dal vedermelo!
[Sappiate che NON vi parlerò della trama, ne vi descriverò il film per filo e per segno perché il romanzo è uno dei più conosciuti e non credo ce ne sia bisogno!]
Sono perfettamente a conoscenza dei 24 adattamenti cinematografici (tra miniserie, film, e classici in bianco e nero), di cui non ne ho visto NEANCHE uno!
Né quello di Zeffirelli (amatissimo da mia mamma) né la versione in bianco e nero (vista addirittura da mia nonna!).

Mi rendo conto che Mia Wasikowska possa apparire un po' troppo giovane e che forse non sembri adatta a rappresentare un personaggio forte come Jane, ma la potenza di questa attrice sta proprio nella sua poliedricità e nella sua capacità di adattarsi a ruoli così diversi.
L'espressività del volto di Mia riesce a rappresentare perfettamente tutti i sentimenti contrastanti che si battono tra loro e animano Jane, rendendola così inquieta.

Vorrei che una donna avesse una vita d'azione, come un uomo. Mi agita fino a star male sapere che l'orizzonte sarà sempre il nostro confine. A volte bramo una vista così potente da poterlo oltrepassare; se potessi osservare tutto ciò che immagino... Non ho mai visto una città, non ho mai parlato con un uomo e temo di veder passare così tutta la mia vita.


Jane viene definita dallo stesso Rochester austera, ma lei non è solo freddezza e moralità, è uno spirito inquieto, sofferente, con un enorme desiderio di vedere il mondo e conoscere quante più cose possibili, con la paura di vedere la sua vita scivolarle via dalle mani senza aver vissuto realmente.
Non ridete mai signorina? Solo di rado, immagino. Ma non siete nata austera così come io non sono nato crudele. Leggo in voi lo sguardo di un uccellino curioso, attraverso le sbarre di una gabbia. Un vivido e irrequieto prigioniero. Fosse libero, volerebbe molto in alto.


Jane si tormenta per l'amore e la passione che prova nei confronti di Rochester, non dorme la notte, soffre, sta male fisicamente e mentalmente (la tipica adolescente durante una cotta) e l'attrice è perfettamente in grado di mostrare questa sofferenza e questo pathos.


Una cosa in particolare che ho amato del film è proprio la sua struttura a flashback. 
Il film si apre con Jane, che scappa da Thornfield e vaga per le lande desolate, fino a svenire sulla soglia di casa di St.John Rivers e delle sue due sorelle nubili.

Mentre loro cercano di curarla e di salvarla dall'abisso in cui Jane sta cadendo, la nostra protagonista ha una serie di flash sul suo passato e su tutto quello che l'ha portata nel punto in cui si trova adesso.
A volte può essere difficile seguire gli sbalzi temporali e le sovrapposizioni che sono state fatte, ma è una cosa che a me è piaciuta moltissimo.
Anzi per me dura addirittura troppo poco!
Ci sono stati dei tagli e delle riduzioni, che secondo me l'avrebbero reso ancora più magnifico, ma non si può avere tutto dalla vita.
E poi io amo questo film e la voglia che mi mette addosso tutte le volte, di prendere la mia copia del romanzo e rileggerla fino a consumarla!

La regia è di Cary Fukunaga, che ha volutamente deciso di enfatizzare gli aspetti oscuri e tenebrosi delle atmosfere che caratterizzano questa perla di romanzo. 
E proprio stamattina, facendo delle ricerche, ho trovato una dichiarazione del regista a proposito di alcune sue scelte:
Ho speso molto tempo rileggendo il libro e cercando di sentire quello che C. Brontë sentiva mentre lo scriveva. C'è un qualcosa di sinistro che affligge l'intera storia... ci sono stati qualcosa come 24 adattamenti, ed è veramente raro che si veda questa sorta di lato più oscuro. Lo trattano come se fosse soltanto un romanzo d'epoca, e io penso che sia molto di più.
Ed effettivamente è MOLTO più di un semplice romanzo d'epoca, o romanzo in costume.
E' un romanzo introspettivo, fatto di contraddizioni, e sentimenti che combattono tra loro.
Jane è dilaniata tra il desiderio di cedere all'amore per Rochester e la sua forte moralità che le impedisce di diventare la sua amante.

“E non essere più niente per voi? Sono una macchina senza sentimenti? Credete che solo perché sono povera, oscura, semplice e piccola, io non abbia né anima né cuore? Ho un‘anima come voi e un cuore grande come il vostro e se Dio mi avesse donato bellezza e denaro, vi avrei reso difficile lasciarmi così come è difficile per me lasciare voi.”


- Jane, ti offenderesti vivendo con me? A chi importerebbe?
- A me...- Preferisci portarmi alla pazzia pur di non infrangere una mera legge dell'uomo?
- Devo rispettare me stessa.
- Ascoltami, ascolta... Potrei piegarti, schiacciarti con le mie dita, sei come un giunco tra le mie mani. Ma qualunque cosa faccia, non posso arrivare a te ed è la tua anima che voglio. Perché non vieni di tua libera volontà?
- Che Dio mi aiuti!





Questa scena in cui Rochester chiede a Jane 
di rimanere al suo fianco, a vivere con lui, come se NIENTE fosse!!!!, dopo la plateale figura di merda in chiesa e la conoscenza della moglie pazza in soffitta, è un qualcosa di MERAVIGLIOSO.Lui le chiede di restare con lei, andando oltre la morale. Praticamente le sta chiedendo di diventare la sua amante senza troppi giri di parole, cosa che la nostra Jane non può assolutamente fare, per non perdere la propria moralità e mantenere integra se stessa.
Ed è in quel momento che un coro di femministe si alza in piedi sul divano e fa 92 minuti di applausi a Jane.


Ma la bellezza e la potenza di questa scena, roba proprio da strapparti il cuore e guardarlo pulsare sul palmo della tua mano, mentre copiose lacrime ti scendono e il muco ti invade la faccia, sta negli sguardi di Jane e Rochester.
Sono entrambi davanti al fuoco, con lei che si è appena ripresa da un mancamento post-shock-da-matrimonio-saltato e lui che ancora non ha capito cosa aspettarsi, se una crisi isterica o un colpo apoplettico [quanto mi piace questa parola!]. 
In una frazione di secondo i due si guardano, e in quello sguardo c'è tutta la potenza di un amore che non può compiersi, di una passione che arde e non può avere libero sfogo e di un dolore che non può essere spazzato via.
ROCHESTER CRISTO SANTO SEI SPOSATO PER L'AMOR DEL CIELO!!!!!!
CAZZO VUOI????
Come se non bastasse... come se il nostro cuore non fosse distrutto abbastanza dallo sguardo d'amore puro che si sono appena scambiati...
Rochester cade sulle ginocchia e supplica Jane, si aggrappa alla sua sottana, si umilia, le chiede perdono e...piange!
[Wajù un omone grande e grosso come Fassbender, sexy, con la barba... che si inginocchia chiede perdono e piange... beh... io mi sarei sparata all'istante!]
E' un uomo che rinuncia al suo orgoglio pur di avere Jane nella sua vita. 
Jane, giustamente, da femminista convinta ed inconsapevole quale è, invoca l'aiuto di Dio, poi mette gambe in spalla e... SE NE VA!
Nel frattempo l'angioletto sulla sua spalla sta stappando lo champagne per l'autocontrollo, mentre il diavoletto sta bestemmiando il calendario.
Il discorso fa più o meno così:

Diavoletto: ma che cazz Jane???? Proprio ora che si era dichiarato! Stava piangendo!
Angioletto: ma statt zitt!!! Non saremo mai la sua amante! Ci ha mentito! E' sposato!
Diavoletto: ma stava piangendo!!!!!
Angioletto: E' sposato!
Diavoletto: si ma lei è pazza! E chiusa in soffitta! Che ce ne fotte?
Angioletto: si ma è pur sempre sposato!
Diavoletto: ma stava piangendo Dio santo!!!
Angioletto: non nominare il nome di Dio invano!
Diavoletto: Eh! ...

Nel frattempo Jane sta facendo bagagli e bagaglielli; maestrale è la scena in cui si toglie l'abito da sposa.
Sono pochi secondi di riprese in cui con gesti febbrili e quasi impazziti, le piccole mani di Jane tentanto di sfilare i laccetti del corsetto del vestito che pare quasi la stia soffocando.
La violenza con cui si toglie l'abito, come se ne andasse della sua vita, come se fosse velenoso, come se le stesse andando a fuoco la pelle, vale tutto il film!
Scappa nella brughiera e crolla di dolore in mezzo alle lande desolate!

[Eccoci ritornati all'inizio del film!]

Tralasciando il mio odio sconfinato per St.John, per la sua presunzione di sapere cosa sia l'amore, per la sua arroganza nel credere di sapere tutto, vuole convincere/obbligare Jane a sposarlo, con la minaccia che sennò non la porta in India gnegne.
FATT A ROT!* (dal napoletano: mangiati le mani e vattene affanculo!)
PATETICO e ODIOSO!
Buono fa Jane che inizia a sentire le voci ('nemmeno tra i maghi sentire le voci è un buon segno Harry!!') e si mette a correre impazzita nella brughiera per tornare da Edward!

*sto per vomitare arcobaleni a questo punto del film*

[No in realtà sto mentendo, gli arcobaleni li ho già vomitati nella scena in cui dopo essersi dichiarati, Jane e Rochester vengono colti all'improvviso dall'acquazzone e corrono come bambini felici, e si baciano sotto la porta e poi di nuovo sulle scale, come se custodissero un segreto soltanto loro.
E poi le scene in cui lei lo ritrae, o passeggiano per il giardino di Thornfield, e lei rigira tra le mani un fiorellino.]

Momento WTF (tutti i film e i libri hanno un momento What the Fuck?! in cui l'atmosfera si permea di tensione e di idiozia) è quando Mr. Rochester e Lady Ingram stanno giocando a 'scioscia* sotto la piuma' (*dal napoletano sciosciare/sciusciare = soffiare).
Jane arriva bellella bellella con fare baldanzoso ma timido e li interrompe.




"Questa insulsa creatura chiede di voi."

Si può quasi vedere la nuvoletta che compare sulla testa di Lady Ingram che vorrebbe dire a Jane: "MATECHECCAZZOVOI?! VEDI D'ANNARTENE BRUTTA ZOCCOLA DI UNA SGUATTERA!"
Ecco a voi il momento What the Fuck di Jane Eyre!

Quando, poi, in ultimo, sfinita, Jane arriva a Thornfield e chiede a Mrs. Fairfax: "Lui dov'è?", io mi sto già torcendo le mani e vorrei piangere e pugnalare un unicorno e spalmarmi la faccia del suo sangue rosa e chiedere: Perchéééééé? Perchééééé??? vagando per una landa desolata.

-Fairfax Rochester che non ha nulla da dire?-Sei diventata un essere umano Jane?-In tutta coscienza credo di sì.
-Un sogno...
-Svegliatevi allora.-Un sogno...-Svegliatevi allora.
 

                           



Questo film è l'espressione di tutto l'amore che potrei provare in dieci vite.
E' fatto con una maestria e un'attenzione alle piccole cose assurde!!, con dovizia di particolari, con una colonna sonora ad hoc (che io sto ascoltando a ripetizione da stamattina qui), con dei magnifici costumi, con due attori principali che hanno saputo spogliarsi della loro reputazione e del loro modo di recitare ed hanno bucato lo schermo con un pathos ed una passione palpabile, ma allo stesso tempo delicatissima.

Non dimentichiamoci inoltre delle numerose nomination e premi vinti, agli Oscar, ai BAFTA, ai festival di cinema indipendente.
Migliori costumi, migliori attori, miglior film europeo.

Insomma robe importanti, mica pizza e fichi??!?!?

Io, nel frattempo, continuo a vomitare arcobaleni e quasi quasi mi vado a rileggere il libro!
A risentirci nel prossimo post.

Con amore,
Svamps.

12 commenti:

  1. MICHAEL.
    FASSBENDER.
    due parole, una sicurezza.
    (trombami Michael) (TROMBAMI)

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. no... non ti sei regolata. ma come ci si può regolare con Fassbender?

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Se non ti conoscessi riderei a crepapelle lo stessoooo (soprattutto al dialogo diavolo-angioletto)
    Descrizione meravigliosa.Come il film.Come Fassbender!!!

    RispondiElimina
  5. Ok non uccidermi, ma a me non è piaciuto molto! Secondo me i due attori sono troppo belli per questi ruoli. Ho visto le altre trasposizioni, e la mia preferita è la serie della BBC, devi vederla assolutamente! Anche perché Mr Rochester è interpretato dal figlio della Prof. Mc Griffith! (L'ho scritto bene??) 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa! Questo commento me l'ero perso! Guarderò anche questo da te consigliato *-*

      Elimina
  6. Infatti è McGranitt...sento già il vocione che si eleva da dietro le quinte: SACRILEGIO!!!!! Ahahhh lo so, sorry! :)

    RispondiElimina
  7. Grazie per averla condivisa perché, mannaggia a me, me l'ero persa a suo tempo!
    Jane è il mio romanzo preferito *ever*, e Rochester, beh... e Fassbender che interpreta Rochester *OMG*. Non ho nulla da aggiungere, se non una piccola, minuscola, insignificante ammissione di colpa. Ecco, io avrei accettato la propostina di Edward. Insomma, stava piangendo! Eh insomma, è l'amore della mia vita *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti anche per me sarebbe stato difficilissimo andarmene! awww

      Elimina
  8. Occhi a cuoricino per il film ma anche per il tuo post!! Ti adoro *_*

    RispondiElimina