venerdì 28 novembre 2014

RIP - Recensioni in pillole #6

Eccoci qua di nuovo, di venerdì con la nostra adorata rubrica delle recensioni in pillole, per chi come me e voi, nel pieno del weekend, si scoccia di leggere post uberlunghi sugli ultimi libri che ho letto.
[Si l'intro è sempre la stessa!]
Oggi vi parlo di:


Dove vai Bernadette, Maria Semple



Non so bene da dove iniziare perché questo libro mi ha presa e mi ha stravolta in meno di 48 ore! 
Tempo fa bazzicavo su alcuni IG di libri e vidi che c’era super attesa per questo libro in America.L’uscita era prevista per Aprile e io mi ripromisi di prenderlo da Amazon non appena possibile.
Ovviamente non l’ho fatto e per puro culo ne ho trovato l’ebook in italiano.
E allora che fai?
Non lo leggi?
Partiamo dal fatto che questo libro (che E’ la sua protagonista, e la sua protagonista E’ il libro):
  • E' assolutamente GENIALE!
  • Ha un inizio un po’ confusionario che mi ha ricordato lo stile di Fannie Flagg in Pane, cose e cappuccino del fornaio di Elmwood Springs, e che non è facile da digerire, tra salti temporali e digressioni e continui cambi di narrazione;
  • Bernadette è una adorabile madre arguta, sociopatica, scaltra, intelligente, con la lingua più tagliente di Seattle, la amerete sin dalla prima battuta!;
  • una volta passata la confusione iniziale, i pezzi della storia, come un puzzle, iniziano ad andare man mano al loro posto, e vi sembra di seguire la narrazione senza troppi problemi (o forse sono semplicemente io che sono idiota!);
  • da laureanda in Architettura, ho AMATO ogni singolo riferimento alla materia, come se ne parla e di come tratta la cantieristica e la bioedilizia;
  • Bernadette (si torniamo a lei) è una donna che AMA (e io la amo a mia volta).
Quindi se questo libro vi capita per le mani e avete voglia di passare qualche ora nel cazzeggio, leggetelo assolutissimamente!
Vi lascerà con un sorriso ebete sulla faccia per un bel po’.
E’ una lettura fresca, leggera, frizzante, da fare tutta d’un fiato.
E se Dio vorrà, un giorno scriverò anche io una cosa del genere.
Almeno spero.

Il mio giudizio finale è 5/5 perché l'ho adorato dall'inizio alla fine!
E' una lettura da fare!
Per distrarsi, per sorridere, per complottare insieme a Bernadette contro le Moscerine. 

La storia di una donna un po' stronzetta e sociopatica, di una ragazza intelligente e super tosta e di un papà tutto nerdaggini e lavoro, che vi conquisteranno fin dalle prime pagine.
A risentirci alla prossima Rip.


Con amore,
Svamps.

2 commenti:

  1. Io l'ho letto quando è uscit in lingua originale (2012? 2013?) Non me lo ricordo...) e l'ho adorato! Ha il pregio molto raro di non ricordare molto altri libri letti in precedenza, il personaggio di Bernadette è davvero peculiare e non escludo di rileggerlo in futuro! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena controllato, è uscito nel 2012, eppure io credevo fosse uscito quest'anno.
      Forse ci sarà stata qualche ristampa e molto entusiasmo a riguardo, perché vedevo molti IG stranieri che pubblicavano foto della imminente pubblicazione del libro.

      Elimina